Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Valutazione economica del controllo ufficiale acque potabili effettuate dall’Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Varese

In questo studio si propone:
1. una valutazione del costo economico del Piano di Controllo delle acque potabili dell’Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Varese;
2. una valutazione della possibile terziarizzazione delle attività di campionamento delle acque potabili, comprensiva dei risvolti organizzativi dei Servizi di Prevenzione dell’A.S.L.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 1.1Le acque potabili: generalità ( in questa nota introduttiva si propone a chi legge l’importanza dell’acqua a uso potabile in termini di risorsa, gestione, comportamenti preventivi possibili all’ipotetico fine per una soluzione economica in risorse sanitarie riorganizzate e verso una terziarizzazione di servizi). L’acqua è l’elemento costitutivo e alimento essenziale per ogni essere vivente. L‘acqua, senza entrare in merito ai processi fisiologici e fisiodinamici ove è coinvolta, costituisce quasi il 60% in un corpo umano adulto e il 75% in un corpo di un neonato. L’acqua assolve inoltre funzioni fondamentali per la vita dell’uomo quali la pulizia e l’igiene della persona, contribuendo così alla prevenzione diretta delle malattie e assicurando un migliore livello di qualità della vita. Gli esperti suggeriscono di bere almeno due litri di acqua al giorno, tenendo conto del fatto che in questa quantità è compresa pure la parte di acqua presente negli alimenti come nelle verdure, nella frutta, nella carne. Nel documento elaborato al termine della VII Conferenza Regionale Ambiente Salute “La Qualità delle Acque Potabili” (1 Note), risulta a oggi che quasi un miliardo di persone nel mondo non ha ancora accesso all’acqua pulita e quasi due miliardi non hanno impianti fognari adeguati. In futuro la tendenza sarà che questi dati saranno in costante aumento e in carenza d’adeguati interventi potranno addirittura raddoppiare. Nei paesi in via di sviluppo il 90% delle acque di scarico e il 70% delle scorie industriali sono scaricate nelle acque senza trattamento, andando a inquinare i corpi idrici superficiali (oceani, mari, fiumi, laghi) e le falde sotterranee (2 Note).

Tesi di Master

Autore: Lodovico Riva Contatta »

Composta da 53 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 539 click dal 17/10/2008.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.