Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Sulle ceneri dell'avanguardia. Per il teatro di Annibale Ruccello

il lavoro apre le porte ad unmondo particolare, appassionante ma poco conosciuto, quello del teatro napoletano delgi anni '80, nato da sconvolgimenti dell'avanguardia teatrale italiana. Annibale Ruccello, giovane esponente della Nuova Drammaturgia napoletana, muore prematuramente a 30 anni, lasciando però, numerose opere attraverso le quali si scopre l'angoscioso mondo di una Napoli versione noir.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 INTRODUZIONE Il lavoro che segue apre le porte ad un mondo particolare, appassionante ma poco conosciuto, quello del teatro napoletano degli anni ‘80, nato dagli sconvolgimenti dell’avanguardia teatrale italiana. Annibale Ruccello, giovane esponente della Nuova Drammaturgia Napoletana, muore prematuramente a 30 anni, lasciando, però, numerose opere attraverso le quali scopriamo l’angoscioso mondo di una Napoli versione noir. I drammaturghi appartenenti alla Nuova Drammaturgia Napoletana, oltre ad essere sia autori che attori, descrivono la decadenza della società moderna e dell’uomo stesso a causa di una cultura massificata e involutiva. Le caratteristiche dei lavori ruccelliani, secondo un filone comune anche agli altri autori di questa nuova drammaturgia, sono diverse: la particolare ambientazione napoletana, il legame con la cultura antica, la società partenopea de- evoluta, le tematiche scabrose portate per la prima volta sulla scena teatrale. Il lavoro viene articolato in quattro capitoli che descrivono un approccio personale e appassionato ad Annibale Ruccello.

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Emanuela Ferrauto Contatta »

Composta da 329 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1887 click dal 01/10/2008.

 

Consultata integralmente 7 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.