Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il processo di transizione in Ungheria e Romania

Oggetto della tesi è l'analisi comparativa della cause politiche, economiche e sociali che hanno portato Ungheria e Romania a vivere in due modi radicalmente differente il processo di transizione del 1989 e di come queste differenze abbiano influenzato il processo di consolidamento democratico e il ritorno in Europa dei due paesi danubiani. Il periodo storico affrontato nel dettaglio è dal 1985 al 1996.

Mostra/Nascondi contenuto.
5 Introduzione Il 1989 Ł l anno in cui la guerra fredda finisce e il blocco sovietico cessa rapidamente di esistere. Nel 1989 si chiude un epoca e inizia, per i paesi satelliti di Mosca, un periodo di transizione che mira a convertire ordinamenti non democratici in democratici ed economie pianificate in economie di mercato. L intento di questo studio non Ł dimostrare la necessit della corsa all Occidente, la correttezza dell imposizione di un modello nato e sviluppatosi altrove piuttosto che il suo adeguamento ad un contesto sociale, economico e politico diverso o l inevitabilit dello spostamento da Est ad Ovest dei paesi dell Europa centro-orientale. L obiettivo Ł, invece, analizzare le cause politiche, economiche e sociali che hanno portato due paesi membri del Patto di Varsavia, l Ungheria e la Romania, a vivere nel 1989 due rivoluzioni radicalmente opposte e di come queste differenze abbiano inevitabilmente influenzato i rispettivi processi e tempi di transizione. Non Ł esistito un modello unico di stato socialista e lo studio delle differenze sostanziali nella gestione del potere e delle modalit in cui si sono consolidate le diverse soci et Ł necessario per cercare di individuare le cause che hanno portato questi due paesi a vivere la fine del regime comunista in modo tanto diverso non solo tra loro stessi, ma anche con gli altri paesi vicini. La Romania Ł stato l unico caso di rivoluzione violenta e l Ungheria Ł stato, in maniera simile alla Polonia, il piø negoziale e pacifico, con l assunzione di un ruolo di primo piano dei dirigenti riformisti del partito. A cosa sono dovute queste particolarit e come hanno influenzato i primi anni post-comunisti? Molti testimoni del crollo del blocco sovietico, trovandosi a dover definire i processi in corso, pur assumendo il termine rivoluzione , h anno operato delle distinzioni rese necessarie dall impossibilit di generalizzare even ti tanto complessi e tra loro differenti. La stessa definizione di rivoluzione , se nel caso della Romania Ł ritenuta adeguata da gran parte della storiografia (il dibattito Ł piuttosto, come vedremo, se sia stata indotta o spontanea o se abbia favorito un colpo di stato), non Ł considerata adatta agli eventi ungheresi di cui si predilige l aspetto negoziale, proprio in ragione delle differenti modalit in cui Ł avvenuto il cambio di regime. Se, infatti, per rivoluzione intendiamo il sovvertimento tramite azioni violente dell ordine politico, sociale ed economico, attuato attraverso la sospensione del monopolio statale dell uso legittimo della forza e della legalit , e l instaurazione di un nuovo potere non autorizzato dal precedente regime, la definizione pu essere appropriata per quanto co ncerne la Romania, ma non per

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Giordana Pallone Contatta »

Composta da 235 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2063 click dal 01/10/2008.

 

Consultata integralmente 7 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.