Skip to content

Integrazione banca-assicurazione: il caso Unipol

Informazioni tesi

  Autore: Armando La Posta
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2006-07
  Università: Università degli Studi di Cassino
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia e Amministrazione delle Imprese
  Relatore: Francesco Minnetti
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 177

Per esporre nel migliore dei presente capitolo introduttivo, si parlerà del fenomeno dell’integrazione tra banche e assicurazioni dal punto di vista teorico, esponendo nella maniera più limpida possibile quali sono le attività interessate dal punto di vista della banca e dell’assicurazione, quali sono le diverse modalità attraverso esso si manifesta e i relativi processi di integrazione.
Sono analizzate le norme che regolano sia l’integrazione come processo istituzionale di accorpamento o partnership tra due imprese, sia dal punto di vista operativo; in questo caso, però, oltre alle leggi nazionali, anche gli atti emanati dagli organi di vigilanza (Isvap e Consob) e cha anno carattere vincolante per l’operatività degli intermediari finanziari.
Sarà interessante notare come la compagnia di assicurazione, nell’emissione di particolari tipi di prodotti, debba rispettare i regolamenti Consob (alla quale generalmente devono sottostare le banche) tanto quanto quelli dell’Isvap, nel normale esercizio dell’attività assicurativa.
Sarà successivamente analizzato l’impatto del fenomeno della bancassicurazione nei mercati europei e globali mettendo in luce in quali paesi il fenomeno è comune e diffuso, e in quali, al contrario, esso stenta a diffondersi a vantaggio delle tradizionali modalità di collocamento dei prodotti bancari e assicurativi. Ovviamente si vedrà quali sono i motivi culturali ed economici che influenzano l’evoluzione di un particolare tipo di mercato.
Si passerà poi ad un’analisi approfondita del mercato italiano, della sua struttura e degli attori più importanti indicando quali sono i “campioni” nazionali, le modalità operative, le competenze e le capacità proprie di ognuno, le tipologie di business nelle quali sono presenti e i mercati esteri nei quali, in alcuni casi, sono presenti.
L’analisi prevede poi uno spaccato che illustra il fenomeno visto sia dal punto di vista del cliente che da quello dell’impresa: si vedranno, quindi, quali sono i vantaggi per i clienti bancari e per i sottoscrittori di polizze assicurative, quali sono i miglioramenti nel servizio post vendita offertogli e nella varietà di prodotti a sua disposizione.
Per quanto riguarda l’intermediario, invece, saranno analizzati i principali punti di forza e di successo e le criticità che minano l’efficace svolgimento dell’attività.
Il successivo capitolo tratta il fenomeno dell’integrazione tra banche e assicurazione dal punto di vista empirico: è analizzato il caso del Gruppo Unipol, uno dei principali attori del mercato italiano sia nel campo della sola assicurazione, sia in quello della bancassicurazione.
Si presenta una breve storia del Gruppo, dalle originisino ai giorni nostri, nei quali svolge un ruolo di primissimo piano quale conglomerato finanziario.
Sulla base dei dati presenti nel bilancio consolidato 2006 (il più recente a disposizione), si procederà ad un’esposizione dei più rilevanti fatti che riguardano l’esercizio: processo di riorganizzazione da questi messo in atto.
Si procederà poi alla presentazione delle varie compagnie che compongono il Gruppo Unipol, alla fine dell’esercizio 2007: verranno descritte le diverse compagnie assicurative del gruppo, ponendo enfasi su quelle che esercitano anche l’attività attraverso il canale bancario, e le società di carattere più spiccatamente finanziario quali Unipol Banca o Unipol Merchant.
lo studio della rete distributiva chiarirà l’incidenza della componente bancaria della distribuzione del prodotto assicurativo, e dell’incidenza delle più classiche reti di agenzie e broker.
L’esposizione continua con una breve analisi di bilancio dell’intero Gruppo.
La parte più interessante della trattazione resta quella finale: si studia empiricamente il fenomeno della bancassicurazione dal punto di vista dell’operatore finanziario. Sulla base della sua struttura interna e delle mansioni proprie di ogni area si esporrà la necessità di una adeguata profilazione del cliente (sia per ragioni normative che operative), dalla separazione del business bancassicurazione vita da quello danni.
Verranno analizzate le strategie messe in atto dalla rinnovata dirigenza del Gruppo nella bancassicurazione vita per operare in maniera sempre più efficiente nel mercato di riferimento.
Verrà esposto il ciclo di vita di un prodotto bancassicurativo, dal concepimento al collocamento tramite canale bancario, e particolare rilevanza verrà data al ruolo dei sistemi informatici nella condivisione delle informazioni ad esso relative.
Seguiranno le conclusioni emerse dall’analisi svolta.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
4    1. Introduzione 1.1 La Storia recente di Banche e Assicurazioni Esporre in maniera chiara ed esaustiva tutte le vicende storiche, culturali e istituzionali che hanno caratterizzato l’evoluzione degli enti creditizi e delle società di assicurazione, richiederebbe un lavoro appositamente dedicato. Nonostante sia possibile parlare di attività bancaria sin dagli albori della civiltà, solo nel medioevo si delinea l’attività nell’accezione più moderna. Ruolo di primo piano è ricoperto dall’Italia e dalle Repubbliche Marinare nel campo dell’innovazione finanziaria. Più interessante, invece, è focalizzare l’attenzione sugli sviluppi recenti dell’attività e della struttura dei due tipi di enti, in modo tale da cercare di individuare i fattori che stanno permettendo la diffusione di quel processo di integrazione che, come vedremo in seguito, risulta del tutto naturale e, in un certo senso, ovvio punto di arrivo del loro percorso evolutivo. La storia recente degli enti creditizi nel nostro paese è inscindibilmente legata alla ricostruzione del secondo dopoguerra: figura centrale in questo contesto è l’IRI. L’Istituto per la Ricostruzione Industriale, nato nel 1933 per volere del governo fascista con lo scopo di evitare il fallimento delle principali banche italiane, divenne nel 1950 ente permanente e, una volta riorganizzato, si preoccupò di pianificare nuovamente la produzione industriale italiana attraverso la presenza di società capogruppo in differenti settori dell’industria.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

alleanze distributive
ania
assicurazione
assicurazioni
assurbanca
banca
banca assicurazione
bancassicurazione
bancassurance
banche
compagnie
consob
esercizio
home banking
intermediari finanziari
isvap
joint venture
mifid
polizza
processo di integrazione
ramo danni
ramo vita
società captive
unipol

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi