Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Integrazione banca-assicurazione: il caso Unipol

Per esporre nel migliore dei presente capitolo introduttivo, si parlerà del fenomeno dell’integrazione tra banche e assicurazioni dal punto di vista teorico, esponendo nella maniera più limpida possibile quali sono le attività interessate dal punto di vista della banca e dell’assicurazione, quali sono le diverse modalità attraverso esso si manifesta e i relativi processi di integrazione.
Sono analizzate le norme che regolano sia l’integrazione come processo istituzionale di accorpamento o partnership tra due imprese, sia dal punto di vista operativo; in questo caso, però, oltre alle leggi nazionali, anche gli atti emanati dagli organi di vigilanza (Isvap e Consob) e cha anno carattere vincolante per l’operatività degli intermediari finanziari.
Sarà interessante notare come la compagnia di assicurazione, nell’emissione di particolari tipi di prodotti, debba rispettare i regolamenti Consob (alla quale generalmente devono sottostare le banche) tanto quanto quelli dell’Isvap, nel normale esercizio dell’attività assicurativa.
Sarà successivamente analizzato l’impatto del fenomeno della bancassicurazione nei mercati europei e globali mettendo in luce in quali paesi il fenomeno è comune e diffuso, e in quali, al contrario, esso stenta a diffondersi a vantaggio delle tradizionali modalità di collocamento dei prodotti bancari e assicurativi. Ovviamente si vedrà quali sono i motivi culturali ed economici che influenzano l’evoluzione di un particolare tipo di mercato.
Si passerà poi ad un’analisi approfondita del mercato italiano, della sua struttura e degli attori più importanti indicando quali sono i “campioni” nazionali, le modalità operative, le competenze e le capacità proprie di ognuno, le tipologie di business nelle quali sono presenti e i mercati esteri nei quali, in alcuni casi, sono presenti.
L’analisi prevede poi uno spaccato che illustra il fenomeno visto sia dal punto di vista del cliente che da quello dell’impresa: si vedranno, quindi, quali sono i vantaggi per i clienti bancari e per i sottoscrittori di polizze assicurative, quali sono i miglioramenti nel servizio post vendita offertogli e nella varietà di prodotti a sua disposizione.
Per quanto riguarda l’intermediario, invece, saranno analizzati i principali punti di forza e di successo e le criticità che minano l’efficace svolgimento dell’attività.
Il successivo capitolo tratta il fenomeno dell’integrazione tra banche e assicurazione dal punto di vista empirico: è analizzato il caso del Gruppo Unipol, uno dei principali attori del mercato italiano sia nel campo della sola assicurazione, sia in quello della bancassicurazione.
Si presenta una breve storia del Gruppo, dalle originisino ai giorni nostri, nei quali svolge un ruolo di primissimo piano quale conglomerato finanziario.
Sulla base dei dati presenti nel bilancio consolidato 2006 (il più recente a disposizione), si procederà ad un’esposizione dei più rilevanti fatti che riguardano l’esercizio: processo di riorganizzazione da questi messo in atto.
Si procederà poi alla presentazione delle varie compagnie che compongono il Gruppo Unipol, alla fine dell’esercizio 2007: verranno descritte le diverse compagnie assicurative del gruppo, ponendo enfasi su quelle che esercitano anche l’attività attraverso il canale bancario, e le società di carattere più spiccatamente finanziario quali Unipol Banca o Unipol Merchant.
lo studio della rete distributiva chiarirà l’incidenza della componente bancaria della distribuzione del prodotto assicurativo, e dell’incidenza delle più classiche reti di agenzie e broker.
L’esposizione continua con una breve analisi di bilancio dell’intero Gruppo.
La parte più interessante della trattazione resta quella finale: si studia empiricamente il fenomeno della bancassicurazione dal punto di vista dell’operatore finanziario. Sulla base della sua struttura interna e delle mansioni proprie di ogni area si esporrà la necessità di una adeguata profilazione del cliente (sia per ragioni normative che operative), dalla separazione del business bancassicurazione vita da quello danni.
Verranno analizzate le strategie messe in atto dalla rinnovata dirigenza del Gruppo nella bancassicurazione vita per operare in maniera sempre più efficiente nel mercato di riferimento.
Verrà esposto il ciclo di vita di un prodotto bancassicurativo, dal concepimento al collocamento tramite canale bancario, e particolare rilevanza verrà data al ruolo dei sistemi informatici nella condivisione delle informazioni ad esso relative.
Seguiranno le conclusioni emerse dall’analisi svolta.

Mostra/Nascondi contenuto.
4    1. Introduzione 1.1 La Storia recente di Banche e Assicurazioni Esporre in maniera chiara ed esaustiva tutte le vicende storiche, culturali e istituzionali che hanno caratterizzato l’evoluzione degli enti creditizi e delle società di assicurazione, richiederebbe un lavoro appositamente dedicato. Nonostante sia possibile parlare di attività bancaria sin dagli albori della civiltà, solo nel medioevo si delinea l’attività nell’accezione più moderna. Ruolo di primo piano è ricoperto dall’Italia e dalle Repubbliche Marinare nel campo dell’innovazione finanziaria. Più interessante, invece, è focalizzare l’attenzione sugli sviluppi recenti dell’attività e della struttura dei due tipi di enti, in modo tale da cercare di individuare i fattori che stanno permettendo la diffusione di quel processo di integrazione che, come vedremo in seguito, risulta del tutto naturale e, in un certo senso, ovvio punto di arrivo del loro percorso evolutivo. La storia recente degli enti creditizi nel nostro paese è inscindibilmente legata alla ricostruzione del secondo dopoguerra: figura centrale in questo contesto è l’IRI. L’Istituto per la Ricostruzione Industriale, nato nel 1933 per volere del governo fascista con lo scopo di evitare il fallimento delle principali banche italiane, divenne nel 1950 ente permanente e, una volta riorganizzato, si preoccupò di pianificare nuovamente la produzione industriale italiana attraverso la presenza di società capogruppo in differenti settori dell’industria.

Laurea liv.I

Facoltà: Economia

Autore: Armando La Posta Contatta »

Composta da 177 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5442 click dal 10/10/2008.

 

Consultata integralmente 13 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.