Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La prescrizione medica digitale: modello concettuale di Sistema Informativo Sanitario Nazionale

Volendo brevemente riassumere il progetto nella sua totalità si tratta di un sistema informativo, a livello nazionale, capace di mettere in comunicazione ogni operatore sanitario che opera sul territorio, in strutture sia pubbliche sia private, che consentirebbe, se implementato e reso operativo nella sua totalità, di eliminare ogni documento medico cartaceo e, allo stesso tempo, di offrire al cittadino una assistenza sanitaria ancora più celere ed accurata grazie ad una cartella clinica digitale completa di ogni informazione lo interessi, e accessibile, attraverso la Carta d’Identità Elettronica, su tutto il territorio nazionale da qualunque operatore sanitario.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 PREFAZIONE Sono trascorsi ormai quarant’anni da quando i primi computer fecero la loro comparsa nel mondo. Sino agli anni ’80 per trovare un computer era necessario spostarsi presso grandi aziende o centri di ricerca, e ciò che ci si trovava davanti erano enormi stanze occupate per lo più da grandi macchinari con bobine, luci e pulsanti. A confronto con la realtà attuale può sembrare di essere lontani secoli da uno scenario del genere, ma la storia insegna che per alcuni cambiamenti, e per la tecnologia in particolare, qualche decade può essere paragonata a pochi granelli di sabbia in una spiaggia. Da allora è cominciata una vera e propria rivoluzione, non ancora ufficialmente riconosciuta, che ci ha portato sino ai giorni nostri e che non accenna minimamente a fermarsi né a rallentare. La potenza di calcolo raddoppia all’incirca ogni diciotto mesi 1 , tanto che le stime di alcuni anni fa parlavano di aumento della potenza dei microprocessori di circa 25 mila volte. Se a questo aggiungiamo il fatto che se le prestazioni aumentano all’inverso i costi diminuiscono, è facile capire come i computer e i sistemi informativi giochino oggi giorno un ruolo così importante, sia per le aziende sia per ogni individuo. Le potenzialità che vent’anni fa erano o potevano essere offerte solo da un computer oggi sono disponibili persino su di un telefono cellulare di fascia media, la connettività che allora era una esclusiva di importanti aziende oggi è alla portata di chiunque. In dieci anni Internet è passato da un’applicazione di nicchia, che contava 100 milioni di utenti in tutto il mondo, di cui solo 700 mila in Italia, ad una fonte di informazione quotidiana i cui utenti globali hanno superato il miliardo, dei quali oltre venti milioni solo in Italia. Tenere il passo di tale evoluzione è quasi impossibile per un utente comune, ed anche il nostro sistema legislativo ha faticato non poco. 1 Si tratta della cosiddetta “Legge di Moore”, cofondatore di Intel. Nel 1965 Moore suppose che le prestazioni dei microprocessori sarebbero raddoppiate ogni 12 mesi. La legge restò valida sino al 1975 quando venne allungata di due anni, sino alla fine degli anni ’80 quando venne riformulata nella sua versione definitiva, valida sino ai nostri giorni, “Le prestazioni dei processori, e il numero di transistor ad esso relativo, raddoppiano ogni 18 mesi”.

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Matteo Foschi Contatta »

Composta da 183 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2192 click dal 13/10/2008.

 

Consultata integralmente 9 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.