Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Viaggio attraverso i confini della realtà: i mondi virtuali

Stimolata dalla lettura del testo “Mondi Virtuall” di M. Gerosa questa tesi si pone come ricerca approfondita su quali siano le ragioni che hanno reso il fenomeno dei mondi virtuali sempre più vasto, tanto che al giorno d’oggi le persone che vivono una Second Life sono oltre 10 milioni, e sulle conseguenze che questa nuova frontiera del gioco in senso stretto, e della comunicazione in senso più ampio, possano avere nei vari campi del sociale, del privato e di quale possa essere il futuro di questo mondo nel mondo.
Attraverso quella finestra verso il mondo dei sogni detta “computer”, una volta semplice strumento di calcolo, adesso vera e propria porta infradimensionale, trovano uno squarcio da cui guardare quella vita che ora può essere anche vissuta.
Come nella vita vera, anche in quella virtuale, sappiamo che in questo momento, pur in nostra assenza, sta accadendo qualcosa, un dialogo, una lite, uno scambio, in ogni caso tra persone esistenti realmente che hanno scelto di crearsi un alter ego da poter liberamente gestire in un altro mondo.

Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione KUBLAI : << Forse questo nostro dialogo si sta svolgendo tra due straccioni soprannominati Kublai Khan e Marco Polo che stanno rovistando in uno scarico di spazzatura, ammucchiando rottami arrugginiti, brandelli di stoffa, cartaccia, e ubriachi per pochi sorsi di cattivo vino vedendo intorno a loro splendere tutti i tesori dell’oriente >> POLO : << Forse del mondo è rimasto un terreno vago ricoperto da immondezzai, e il giardino pensile della reggia del Gran Khan. Sono le nostre palpebre che li separano, ma non si sa quale è dentro e quale è fuori>> 1 Stimolata dalla lettura del testo “Mondi Virtuall” di M. Gerosa 2 questa tesi si pone come ricerca approfondita su quali siano le ragioni che hanno reso il fenomeno dei mondi virtuali sempre più vasto, tanto che al giorno d’oggi le                                                             1  Italo Calvino, Le città invisibili, Einaudi, Torino, 1982, p. 110  2  Mario Gerosa – Airelien Pfeffer, Mondi Virtuali, Castelvecchi, Roma, 2006    4

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze della Formazione

Autore: Giovanni Davi Contatta »

Composta da 101 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3760 click dal 08/10/2008.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.