Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Design, tuning e sperimentazione di filtri bilaterali per l'audio

I filtri bilaterali sono uno strumento matematico che è stato utilizzato con successo come metodo di noise reduction applicato alle immagini digitali.
Questa tesi descrive la sperimentazione che µe stata condotta per studiare glieffetti dell'applicazione di filtri bilaterali all'audio digitale. La formulazione originale dell'algoritmo è stata sostituita da una versione modificata che tiene conto del dominio e delle caratteristiche dei segnali audio. Sono stati quindi definiti dei parametri che, modificando le funzioni che sono alla base dell'algoritmo, caratterizzano la risposta del filtro. In seguito sono stati studiati i comportamenti del filtro utilizzando come input dei segnali elementari quali onde sinusoidali singole e somme di sinusoidi.
Dopo questa fase iniziale di test, l'algoritmo sviluppato è stato utilizzato per l'elaborazione di alcuni brani accuratamente scelti in modo da evidenziare le caratteristiche del filtro applicato ai diversi stili musicali. I risultati di questi test sono stati analizzati sia da un punto di vista numerico, sia attraverso la creazione di grafici che forniscono una visione più generale ed intuitiva del tipo di trasformazioni effettuate sul segnale. I file audio elaborati sono stati accuratamente ascoltati, oltre che dall'autore di questa tesi, da persone esperte nel campo della tecnologia audio, per stabilire se oltre all'analisi numerica il risultato sonoro sia convincente.
I risultati sono stati infine paragonati a quelli generati da altri software consi derati lo stato dell'arte della tecnologia audio. Il parere generale è che i segnali audio elaborati dai filtri bilaterali “suonino" bene, e che dopo un attenta fase di beta-testing potrebbero diventare una valida alternativa ai software più diffusi
sul mercato.

Mostra/Nascondi contenuto.
Capitolo 1 Introduzione La produzione musicale e` stata negli ultimi anni oggetto di profondi cam- biamenti. La realizzazione di produzioni audio di livello professionale, una volta appannaggio esclusivo delle grandi case discografiche, e` ora alla portata di tutti grazie al progresso della tecnologia digitale. I costosissimi impianti analogici sono stati progressivamente sostituiti da sistemi digitali che offrono una perfetta qualita` e maggiori garanzie di precisione e stabilita`. Il mastering o post-produzione audio e` il delicato processo di ottimizzazione finale di un prodotto audio. La figura professionale che si prende cura di questo compito e` il mastering engineer, una persona molto preparata sulla tecnologia audio e dalle grandi capacita` di ascolto dei brani musicali. Il fine del mastering engineer e` aumentare la qualita` delle tracce audio prodotte in precedenza dallo studio di registrazione in modo che esse offrano al consu- matore un ottima esperienza sonora. Seguendo una tendenza criticabile, i dischi di maggior successo degli ultimi anni sono stati prodotti considerando 3

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali

Autore: Alessandro Saccoia Contatta »

Composta da 85 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 619 click dal 10/10/2008.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.