Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Sergio Bardotti: una poliedrica esperienza artistica a servizio dello spettacolo

Dietro ogni produzione che riguarda la musica, il cinema, il teatro o la televisione ci sono sempre delle personalità, a volte poco conosciute, che con le loro idee e il loro impegno consentono tuttavia l’allestimento e la realizzazione del prodotto. Il gradimento dello stesso da parte del pubblico ne decreta la fortuna e la popolarità.
Per questa ragione chi si avvicina allo studio di discipline legate alle arti dello spettacolo, deve avere l’umiltà di interessarsi al percorso professionale e artistico di queste figure che, il più delle volte, non sono riconosciute dal pubblico per il loro ruolo modesto, faticoso ma essenziale. Ecco perché ho deciso di concentrare il mio lavoro di tesi specialistica su Sergio Bardotti1 paroliere, produttore e autore televisivo improvvisamente scomparso l’11 aprile del 2007. Quello che mi sorprende particolarmente è che pochissime persone lo conoscono, mentre molte altre non sanno che è il paroliere di popolarissime canzoni che hanno segnato la storia della musica italiana come: Canzone per te 1968, Occhi di ragazza 1970, Piazza Grande 1972, Quella carezza della sera 1978, Ti lascerò 1989, e l’autore di programmi quali: Fantastico dal 1986 al 1990 e diverse edizioni del Festival di Sanremo e di Domenica In.Grazie alla sua curiosità, aperta anche alle suggestioni della cultura e dei ritmi brasiliani, ha coinvolto nelle sue esperienze importanti personaggi del samba sudamericano quali Chico Braque de Hollanda, Toquinho o Vinicius de Moraes, creando un eclettismo magico e affascinante che accomuna tradizioni, immagini e simboli, fino a renderli unici e irripetibili nella loro espressività. L’impegno televisivo, iniziato negli anni Ottanta, risulta rilevante e prolifico per la collaborazione artistica con il conduttore Pippo Baudo. Insieme realizzano nuovi spettacoli televisivi che riprendono e attualizzano i canoni del vecchio varietà, arricchendoli con nuove idee. Il volere avvicinarsi, in punta di piedi, a una personalità e a una carriera artistica così vasta è stato sicuramente utile. Ho avuto la possibilità di toccare con mano il farsi del suo lavoro pur se, allo stesso tempo, è stato difficile reperire delle fonti che potessero documentare il suo operato. Quindi ho sentito la necessità di cercare e poi incontrare collaboratori, familiari e alunni di Bardotti, i contributi di queste testimonianze arricchiscono le informazioni a mia disposizione sull’autore e consentono una più autentica comprensione della sua arte e della sua personalità.
Gianna Bigazzi, Lucio Dalla, Andrea Direnzo, Claudia Endrigo, Franco Fasano, Andrea Gallo e Vittoria Sigillino da me incontrati in diverse occasioni, con i loro puntuali interventi ben focalizzano i diversi punti di vista, con i quali si scopre l’impegno di Sergio Bardotti e la dimensione della sua poliedricità umana e artistica. Le testimonianze della Signora Isa Bardotti, sua prima moglie, e della figlia Fiore consentono di riscoprire i variegati interessi, connessi con l’impegno musicale e televisivo che ha scandito la vita dello stesso. Nel contempo, grazie alla disponibilità della Signora Carmen Di Domenico, ho avuto la possibilità di visitare la casa di Formello e in particolare la stanza dove sono raccolti libri, dischi, premi, foto e quaderni costituenti un repertorio di ricordi legati a Sergio Bardotti e al suo lavoro. L’elaborato scritto è corredato da un prodotto multimediale che raccoglie le immagini delle interviste intervallate da filmati di repertorio, tratti da archivi on-line sulla produzione di programmi televisivi dove Sergio Bardotti ha lavorato come autore.Fra i vari reperti, prezioso è il video Un giorno come un altro, gentilmente concessomi da Massimo Amoroso, prodotto nel 1971 le cui immagini accompagnano Lp Nuove canzoni d’amore di Sergio Endrigo. Lo stesso diretto da Ugo Gregoretti e sceneggiato dallo stesso Bardotti, rappresenta, per i tempi in cui viene promosso e realizzato, un’autentica novità che apre le porte alla produzione di videoclip italiani, che accompagnano i moderi Cd e trasformano il genere in immagine. L’elaborato si completa poi con una sezione riassuntiva che include: una griglia che cronologicamente segnala tutti i suoi brani musicali, un indice di tutte le sue partecipazioni al Festival di Sanremo come paroliere, alcuni testi delle sue più belle canzoni, riproduzioni fotografiche di copertine di album e singoli da lui realizzati e prodotti e, infine, articoli pubblicati sul settimanale Tv Sorrisi e Canzoni in occasione della presentazione ai lettori di programmi quali Fantastico (1986, 1990), Serata d’onore (1989) Domenica In (1991) a cui ha collaborato lo stesso Bardotti.

Mostra/Nascondi contenuto.
5 Introduzione Dietro ogni produzione che riguarda la musica, il cinema, il teatro o la televisione ci sono sempre delle personalità, a volte poco conosciute, che con le loro idee e il loro impegno consentono tuttavia l’allestimento e la realizzazione del prodotto. Il gradimento dello stesso da parte del pubblico ne decreta la fortuna e la popolarità. Competenza e professionalità, accompagnate da creatività e genialità, sono gli ingredienti fondamentali che determinano il risultato. Per questa ragione chi come me si avvicina allo studio di discipline legate alle arti dello spettacolo, deve avere l’umiltà di interessarsi al percorso professionale e artistico di queste figure che, il più delle volte, non sono riconosciute dal pubblico per il loro ruolo modesto, faticoso ma essenziale. Ecco perché ho deciso di concentrare il mio lavoro di tesi specialistica su Sergio Bardotti 1 paroliere, produttore e autore televisivo improvvisamente scomparso l’11 aprile del 2007. Quello che mi sorprende particolarmente è che pochissime persone lo conoscono, mentre molte altre non sanno che è il paroliere di popolarissime canzoni che hanno segnato la storia della musica italiana come: Canzone per te 1968, Occhi di ragazza 1970, Piazza Grande 1972, Quella carezza della sera 1978, Ti lascerò 1989, e l’autore di programmi quali: Fantastico dal 1986 al 1990, Serata d’onore 1989, diverse edizioni del Festival di Sanremo e di Domenica In. Inoltre grazie alla sua curiosità, aperta anche alle suggestioni della cultura e dei ritmi brasiliani, ha coinvolto nelle sue esperienze 1 Cfr. Sergio Bardotti in http://www. wikipedia.org

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Raffaella Marino Contatta »

Composta da 116 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 984 click dal 16/10/2008.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.