Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La semiolinguistica della musica. Varie tendenze nell'interpretazione e analisi dell'evento musicale

Argomento centrale del presente studio è la significazione musicale, che a nostro avviso è una delle maggiori caratteristiche della musica intesa come linguaggio significante – senza dubbio differente dal linguaggio verbale, sebbene con delle caratteristiche comuni –. Ci si propone dunque di dimostrare, da un punto di vista per così dire poietico (nella terminologia di Jean-Jacques Nattiez), la tesi che vede la musica come sistema di segni, e di presentare un’introduzione ai meccanismi che regolerebbero l’interpretazione e l’attribuzione di significato da parte del compositore/esecutore e da parte dell’ascoltatore del brano musicale.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 INTRODUZIONE Argomento centrale del presente studio è la significazione musicale, che a nostro avviso è una delle maggiori caratteristiche della musica intesa come linguaggio significante – senza dubbio differente dal linguaggio verbale, sebbene con delle caratteristiche comuni –. Ci si propone dunque di dimostra- re, da un punto di vista per così dire poietico (nella terminologia di Jean- Jacques Nattiez, vedi cap. II.1.2.1), la tesi che vede la musica come sistema di segni, e di presentare un’introduzione ai meccanismi che regolerebbero l’interpretazione e l’attribuzione di significato da parte del composito- re/esecutore e da parte dell’ascoltatore del brano musicale. Più nello specifico, l’introduzione verterà sullo studio della relazione che i segni musicali hanno tra loro nel sistema di comunicazione (cap. II); del rapporto tra segno e suo referente (capp. II e III); dell’attribuzione di significa- to da parte degli ascoltatori (espressa in sede sperimentale, tramite associa- zioni verbali, vedi cap. II.1.3). Insomma, in generale, il rapporto “segno- referente-significato”, mutuato dalla teoria linguistica classica. La ricerca sui testi e l’integrazione con la teoria psicanalitica ci ha permesso inoltre di am- pliare una nota teoria di Jerrold Levinson sulla natura dell’esperienza musica- le, che verrà trattata alla fine del secondo capitolo. Vediamo ora di illustrare le tappe che seguiremo nello sviluppo della ricerca. Nel primo capitolo tenteremo di stabilire se effettivamente si possa parlare di linguaggio in musica; inoltre delineeremo le fasi fondamentali che hanno segnato la genesi del linguaggio musicale, con particolare attenzione all’applicazione delle teorie generativiste all’analisi delle strutture musicali. Nel secondo affronteremo il problema della comunicazione musicale, esponendo alcuni dei concetti fondamentali che ruotano intorno a tale proces- so: parleremo dunque di competenza, segno e significato, interpretazione e traduzione, denotazione e connotazione.

Tesi di Laurea

Facoltà: Lingue e Letterature Straniere

Autore: Giovanni Fenu Contatta »

Composta da 101 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3540 click dal 17/10/2008.

 

Consultata integralmente 6 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.