Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il mobbing nel rapporto di lavoro

La trattazione analizza le problematiche di carattere giuridico relative al complesso fenomeno del mobbing, individuando norme ed istituti di possibile applicazione. Contestualmente sono esaminate, in modo puntuale, le principali sentenze di merito e di legittimità intervenute in materia. Partendo dall’imprescindibile problema della definizione e dell’inquadramento giuridico del fenomeno, dovuto alla mancanza di una legislazione ad hoc, si proseguirà nell’esame degli strumenti normativi, sia internazionali che nazionali, per apprezzarne la sufficiente presenza al fine di tutelare a pieno la vittima. Dal variegato panorama giuridico, la tutela civile si distingue per essere quella più adatta a proteggere il lavoratore, vittima di quei comportamenti vessatori, ostili e non etici, posti in essere in forma sistematica, da uno o più aggressori in posizione superiore, inferiore o di parità, volti ad arrecargli danni di vario tipo o gravità. Ne consegue la possibilità, dopo aver superato il difficile ostacolo dell’onere della prova, di ottenere il risarcimento del danno subito. In particolare, il c.d. danno esistenziale è la figura di sintesi che più si adatta alla fattispecie del mobbing. Infine, si valuteranno le prospettive di tutela sul piano assicurativo previdenziale, dopo l’annullamento della circolare INAIL sul risarcimento del danno da costrittività organizzativa.
Solo un’adeguata comprensione del fenomeno sarà in grado da una parte, di evitare il rischio di banalizzazione, e dall’altra di compiere un salto di qualità dal punto di vista della tutela.

Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE Il fenomeno del terrorismo psicologico nei luoghi di lavoro, il cosiddetto mobbing, è un problema tipico delle organizzazioni economiche contemporanee. L’attuale complessità, delle realtà sociali e delle relazioni intercorrenti fra gli individui, ha influenzato notevolmente le dinamiche del lavoro, portando con sé un numero crescente di situazioni in cui spesso è lesa la dignità personale del lavoratore. L’impatto delle molestie morali è estremamente avvertito dalla moderna coscienza sociale, per questo da più parti si auspica un’evoluzione civile e culturale verso una tutela della persona del lavoratore considerata nel suo complesso. In particolar modo, l’accento cade sul rispetto della dignità e della sfera esistenziale del lavoratore, vittima di quei comportamenti vessatori, ostili e non etici, posti in essere in forma sistematica, da uno o più aggressori in posizione superiore, inferiore o di parità, volti ad arrecargli danni di vario tipo o gravità. I

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Barbara Cionini Contatta »

Composta da 179 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2998 click dal 23/10/2008.

 

Consultata integralmente 9 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.