Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Scrivere il parlato. Come la scrittura parla dell'oralità attraverso la metafora.

Oralità e scrittura. I due mondi si fondono all' interno del testo letterario, attraverso le metafore della scrittura che rimandano alla sfera dell' oralità.
Da Dante a Leopardi, tutti gli autori della letteratura italiana ci mostrano come oralità e srittura possano coesistere all' interno delle pagine di un testo letterario.

Mostra/Nascondi contenuto.
2 Introduzione Il presente lavoro di tesi studia il complesso rapporto tra oralità e scrittura, nonché la relazione tra testi scritti e testi orali attraverso un punto di osservazione interessante: le metafore letterarie, ossia le metafore presenti in testi letterari classici (scritti). Si è effettuato uno spoglio del L.I.Z. 4.0 a cura di Pasquale Stoppelli ed Eugenio Picchi, il quale attesta una fitta presenza, all’ interno delle opere letterarie, di espressioni quali perdere l’ abbiccì, dire a lettere cubitali, non capirci un’ acca, che mettono in luce un’ interessante funzione della scrittura: quella di modellizzare e rappresentare le caratteristiche del parlato. In queste espressioni metaforiche si palesa l’ incontro tra i due mondi, dello scritto e del parlato, quasi si trattasse di un gioco fatto di continui rimandi, dall’ una all’ altra sfera. E’ solo con la dimostrazione dell’ esistenza di queste espressioni letterali che il tema dell’ incontro tra mondo chirografico e mondo della voce, del suono, acquista un senso. Il primo capitolo, interamente dedicato alla definizione di oralità e di scrittura, non poteva non prevedere un riferimento all’ opera di Walter J. Ong, fondamentale per qualsiasi analisi che miri ad individuare affinità e differenze tra lo scritto e il parlato. In nessun’ altra opera, infatti, le differenze tra oralità e scrittura vengono affrontate in maniera così chiara. Ciò che si intende fare è chiarire le caratteristiche proprie dell’ una e dell’ altra sfera. Ecco, in sintesi, le caratteristiche fondamentali che Ong attribuisce all’ oralità: 1. Essa si basa principalmente sulla memoria;

Laurea liv.I

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Diego Astarita Contatta »

Composta da 73 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3007 click dal 17/10/2008.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.