Skip to content

Correlazione tra gli stati emotivi materni e lo sviluppo normale o deviante del bambino

Informazioni tesi

  Autore: Maria Rosa Ranieli
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2007-08
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Psicologia
  Corso: Sviluppo e Educazione
  Relatore: Antonella Cerquiglini
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 44

Oggetto della mia analisi è stato ricercare le ragioni che sono alla base di uno sviluppo normale o “deviante” del feto; con il termine “deviante” intendo riferirmi a qualcosa che non ha funzionato, che ha deviato il “normale” sviluppo psico-fisico del feto. Per molto tempo il mondo intrauterino è stato esplorato esclusivamente da un punto di vista medico, focalizzando l’attenzione sulle condizioni fisiche della madre, tralasciando tutti gli aspetti psicologici, sociali, emozionali che essa vive e che, inevitabilmente, vengono avvertiti anche dal suo bambino. L’immagine che, per troppo tempo, ha “invaso” la nostra mente corrispondeva a un essere che vive protetto dall’utero materno, come in una sorta di scrigno che lo separa dal mondo esterno proteggendolo dai malesseri della madre. Tale visione del mondo intrauterino ha cominciato a modificarsi a partire dallo sviluppo di tecniche e strumenti avanzati che hanno consentito di osservare una serie di attività fisiche e psichiche del feto, prime fra tutti le tecniche ad ultrasuoni, che hanno consentito l’osservazione in tempo reale dell’attività spontanea fetale e delle sue reazioni alle diverse stimolazioni.
Il legame madre-bambino è stato da sempre considerato come un momento unico e insolito, che si stabilisce nel qui e ora dopo la nascita del bambino stesso. Da questa trattazione è emerso, invece, che questo legame è, in realtà, il prolungamento di un contatto che ha inizio molto tempo prima, nell’utero.
Perché alcuni bambini nascono prematuri, di basso peso, malaticci, con anomalie neurologiche e deficit intellettivo? Sono state queste le domande che mi hanno spinta a ricercare le possibili cause di queste anomalie dello sviluppo psico-fisico fetale e, di conseguenza, come le stesse interfersiscono nel rapporto madre-bambino.

Il primo capitolo di questo lavoro prende in esame la Psicologia Prenatale, una nuova disciplina scientifica che nasce dall’interazione di conoscenze mediche (medicina ostetrico-ginecologica, medicina pre- e peri-natale, biologia, ecc.) e conoscenze psicologiche (psicologia dello sviluppo, psicologia della personalità, psicologia dinamica, psicobiologia, psicofisiologia) e si prefigge lo scopo di studiare lo sviluppo e le capacità psicofisiologiche, comunicative, relazionali e psicologiche del feto.
Il secondo capitolo prende in esame lo sviluppo prenatale del feto. Grazie a tecniche sofisticate come gli ultrasuoni e lo sviluppo della “Infant Research”, è stato dimostrato che l’embrione assume dei “comportamenti” già a 3-4 settimane di vita. Tengo a precisare che il termine “comportamento” fa riferimento alla manifestazione esteriore di ciò che avviene nel cervello.
Nel terzo capitolo viene approfondito l’ attaccamento prenatale, facendo riferimento alle tipologie di attaccamento individuate da Daniel Stern, e ai fattori correlati a un basso attaccamento genitoriale verso il feto.
Il quarto capitolo è, secondo il mio parere, l’anima di questa analisi: lo sviluppo deviante del bambino. In questo ultimo capitolo vengono prese in esame le condizioni genetiche e ambientali che attraverso la madre possono provocare sul feto esiti, a volte, anche irreversibili.

«L’ambiente fetale è un fattore estremamente importante per delineare la struttura originale, la funzione e il comportamento degli esseri umani. Dal punto di vista fisico, madre e figlio non hanno in comune né il cervello né il sistema nervoso autonomo. I legami neurormonali sono quindi importantissimi perché rappresentano una delle poche possibilità che hanno madre e figlio di condurre un dialogo tra loro a livello emotivo».
“War and fetal-maternal relationship”
Lester W. Sontag

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
5 CORRELAZIONE TRA GLI STATI EMOTIVI MATERNI E LO SVILUPPO NORMALE O DEVIANTE DEL BAMBINO Premessa …Tutti noi possediamo ricordi sommersi, nelle postazioni dell’inconscio, che possono esercitare una forte influenza sulla nostra esistenza. La rimozione è la migliore arma che il cervello possiede per difendersi da ricordi che altrimenti, a livello conscio, sarebbero inaccettabili. Nonostante ciò, i ricordi che abbiamo “sepolto” hanno una risonanza emotiva che ci influenza per vie impensabili e spesso “inquietanti”… Perché questo argomento? Le ragioni sono tante, e cercherò di spiegarle nel corso della trattazione, ma rispondono tutte all’esigenza di voler comprendere perché alcuni bambini vengono al mondo con uno sviluppo psico-fisico “normale”, mentre altri sono l’espressione di qualcosa che non ha funzionato, di qualcosa che ha “deviato” il percorso normale. A questo punto è indispensabile spiegare che cosa si intende per normale. Le norme (dal latino norma, misura, regola, direttiva, prescrizione) sono strettamente necessarie e sostanzialmente inevitabili per il nostro rapporto

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

attaccamento prenatale
bambino fantasmatico
bambino immaginato
competenze senso-percettive del feto
comportamenti del feto
dialogo emotivo madre-bambino.
fenotipo comportamentale
fenotipo fisico
identificazione proiettiva
imprinting fisiologico
influeze genetiche, fattori epigenetici,ambientali
omeorosi
preoccupazione materna primaria
psicologia prenatale
psicosomatica/somatopsichica
schemi di movimento
sindrome alcolica fetale
stadi dello sviluppo prenatale
suscettibilità biologica
sviluppo deviante del feto
sviluppo prenatale
tipologie di attaccamento
turn-taking
winnicott

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi