Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Correlazione tra gli stati emotivi materni e lo sviluppo normale o deviante del bambino

Oggetto della mia analisi è stato ricercare le ragioni che sono alla base di uno sviluppo normale o “deviante” del feto; con il termine “deviante” intendo riferirmi a qualcosa che non ha funzionato, che ha deviato il “normale” sviluppo psico-fisico del feto. Per molto tempo il mondo intrauterino è stato esplorato esclusivamente da un punto di vista medico, focalizzando l’attenzione sulle condizioni fisiche della madre, tralasciando tutti gli aspetti psicologici, sociali, emozionali che essa vive e che, inevitabilmente, vengono avvertiti anche dal suo bambino. L’immagine che, per troppo tempo, ha “invaso” la nostra mente corrispondeva a un essere che vive protetto dall’utero materno, come in una sorta di scrigno che lo separa dal mondo esterno proteggendolo dai malesseri della madre. Tale visione del mondo intrauterino ha cominciato a modificarsi a partire dallo sviluppo di tecniche e strumenti avanzati che hanno consentito di osservare una serie di attività fisiche e psichiche del feto, prime fra tutti le tecniche ad ultrasuoni, che hanno consentito l’osservazione in tempo reale dell’attività spontanea fetale e delle sue reazioni alle diverse stimolazioni.
Il legame madre-bambino è stato da sempre considerato come un momento unico e insolito, che si stabilisce nel qui e ora dopo la nascita del bambino stesso. Da questa trattazione è emerso, invece, che questo legame è, in realtà, il prolungamento di un contatto che ha inizio molto tempo prima, nell’utero.
Perché alcuni bambini nascono prematuri, di basso peso, malaticci, con anomalie neurologiche e deficit intellettivo? Sono state queste le domande che mi hanno spinta a ricercare le possibili cause di queste anomalie dello sviluppo psico-fisico fetale e, di conseguenza, come le stesse interfersiscono nel rapporto madre-bambino.

Il primo capitolo di questo lavoro prende in esame la Psicologia Prenatale, una nuova disciplina scientifica che nasce dall’interazione di conoscenze mediche (medicina ostetrico-ginecologica, medicina pre- e peri-natale, biologia, ecc.) e conoscenze psicologiche (psicologia dello sviluppo, psicologia della personalità, psicologia dinamica, psicobiologia, psicofisiologia) e si prefigge lo scopo di studiare lo sviluppo e le capacità psicofisiologiche, comunicative, relazionali e psicologiche del feto.
Il secondo capitolo prende in esame lo sviluppo prenatale del feto. Grazie a tecniche sofisticate come gli ultrasuoni e lo sviluppo della “Infant Research”, è stato dimostrato che l’embrione assume dei “comportamenti” già a 3-4 settimane di vita. Tengo a precisare che il termine “comportamento” fa riferimento alla manifestazione esteriore di ciò che avviene nel cervello.
Nel terzo capitolo viene approfondito l’ attaccamento prenatale, facendo riferimento alle tipologie di attaccamento individuate da Daniel Stern, e ai fattori correlati a un basso attaccamento genitoriale verso il feto.
Il quarto capitolo è, secondo il mio parere, l’anima di questa analisi: lo sviluppo deviante del bambino. In questo ultimo capitolo vengono prese in esame le condizioni genetiche e ambientali che attraverso la madre possono provocare sul feto esiti, a volte, anche irreversibili.

«L’ambiente fetale è un fattore estremamente importante per delineare la struttura originale, la funzione e il comportamento degli esseri umani. Dal punto di vista fisico, madre e figlio non hanno in comune né il cervello né il sistema nervoso autonomo. I legami neurormonali sono quindi importantissimi perché rappresentano una delle poche possibilità che hanno madre e figlio di condurre un dialogo tra loro a livello emotivo».
“War and fetal-maternal relationship”
Lester W. Sontag

Mostra/Nascondi contenuto.
5 CORRELAZIONE TRA GLI STATI EMOTIVI MATERNI E LO SVILUPPO NORMALE O DEVIANTE DEL BAMBINO Premessa …Tutti noi possediamo ricordi sommersi, nelle postazioni dell’inconscio, che possono esercitare una forte influenza sulla nostra esistenza. La rimozione è la migliore arma che il cervello possiede per difendersi da ricordi che altrimenti, a livello conscio, sarebbero inaccettabili. Nonostante ciò, i ricordi che abbiamo “sepolto” hanno una risonanza emotiva che ci influenza per vie impensabili e spesso “inquietanti”… Perché questo argomento? Le ragioni sono tante, e cercherò di spiegarle nel corso della trattazione, ma rispondono tutte all’esigenza di voler comprendere perché alcuni bambini vengono al mondo con uno sviluppo psico-fisico “normale”, mentre altri sono l’espressione di qualcosa che non ha funzionato, di qualcosa che ha “deviato” il percorso normale. A questo punto è indispensabile spiegare che cosa si intende per normale. Le norme (dal latino norma, misura, regola, direttiva, prescrizione) sono strettamente necessarie e sostanzialmente inevitabili per il nostro rapporto

Laurea liv.I

Facoltà: Psicologia

Autore: Maria Rosa Ranieli Contatta »

Composta da 44 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6356 click dal 21/10/2008.

 

Consultata integralmente 10 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.