Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La nuova disciplina in materia di rapporto di lavoro a tempo determinato nelle pubbliche amministrazioni

Con questa tesi, si è cercato di analizzare le caratteristiche strutturali e funzionali del lavoro flessibile alla dipendenze della pubblica amministrazione alla luce dei recenti interventi legislativi, in particolar modo delle ultime due finanziarie.
Sono stati inoltre analizzati i profili problematici della stabilizzazione del rapporto di lavoro pubblico alla luce delle pronunce giurisprudenziali della Corte Costituzionale e della Corte di Giustizia Europea in materia di conversione del rapporto di lavoro pubblico.
Si è proceduto ad elaborare in senso critico le tesi dottrinali e giurisprudenziali sul tema della stabilizzazione del lavoro pubblico.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 INTRODUZIONE Il presente lavoro si prefigge la finalità di ripercorre alcune tappe del percorso legislativo e giurisprudenziale di trasformazione e riscrittura dei rapporti di lavoro alle dipendenze della pubblica amministrazione. Come si vedrà, si tratta di una materia che, almeno nell’ultimo ventennio, è stata al centro delle attenzioni dei vari legislatori nazionali, costituendone quasi un assillo, nella convinzione che modificare l’organizzazione e la struttura dell’amministrazione verso lo snellimento e la devoluzione di compiti e materie potesse rappresentare la panacea per risolvere i tanti problemi dell’amministrazione e della burocrazia italiana. Si è troppo spesso pensato che i limiti e le carenze amministrative dipendessero, in ultima analisi, o perlomeno soltanto dall’assetto pubblicistico del rapporto di lavoro; che fosse dunque necessario prescrivere, almeno dal punto di vista delle responsabilità, procedure mutuate dal rapporto di lavoro privatistico. Se, da un lato e inizialmente, il modello privatistico ha permesso una certa estensione al personale di tutte le pubbliche amministrazioni di un gran numero di diritti contenuti nelle disposizioni del c.d. Statuto dei lavoratori, dall’altro lato, tuttavia, si è statuita una connessione forse troppo marcata con le responsabilità dell’esecutivo di turno, in un paese come l’Italia che non ha mai conosciuto una effettiva stabilità di indirizzi politici nazionali. La materia del rapporto di pubblico impiego presenta delle connotazioni multidisciplinari, che afferiscono al diritto del lavoro, al diritto pubblico, al diritto amministrativo, ma anche alla sociologia, all’economia e alla storia dell’Italia non solo repubblicana. Si è, pertanto, avvertita l’esigenza di limitare l’analisi soltanto ad alcuni aspetti fondamentali dei processi di riforma del rapporto di lavoro alle dipendenze della pubblica amministrazione, in particolare a quelli relativi alle modalità d’ingresso nelle pp.aa. e all’utilizzo del lavoro flessibile nelle stesse. Nel primo capitolo, nella consapevolezza della complessità e vastità della materia si sono trattate, in estrema sintesi, le evoluzioni del rapporto di lavoro alle dipendenze della pubblica amministrazione a partire dai principi e valori costituzionali del 1948, che

Tesi di Master

Autore: Alice Dall'asta Contatta »

Composta da 56 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2434 click dal 30/10/2008.

 

Consultata integralmente 17 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.