Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Progettazione integrata e sviluppo locale: il caso del PIT Locride

La nuova programmazione dei Fondi Strutturali 2000-2006 per le Regioni Obiettivo 1 dell’Unione Europea si pone un obiettivo di coesione e sviluppo economico e sociale in tutte le sue Regioni, attraverso l’attivazione di strumenti in grado di attivare lo sviluppo locale “dal basso” e, conseguentemente, ridurre nel tempo il divario tra gli Stati (o regioni di Stati) in ritardo di sviluppo e quelli più avanzati.
Il seguente lavoro di tesi, organizzato in tre capitoli, ha per oggetto lo studio della Progettazione integrata territoriale quale modalità operativa di spesa di tali Fondi, soffermandosi in partiocolare sull'impiego degli stessi nella Regione Calabria ed in particolare nella Locride.

Mostra/Nascondi contenuto.
CAPITOLO I COS’È IL PROGETTO INTEGRATO TERRITORIALE 8 INTRODUZIONE La nuova programmazione dei Fondi Strutturali 2000-2006 per le Regioni Obiettivo 1 dell’Unione Europea si pone un obiettivo di coesione e sviluppo economico e sociale in tutte le sue Regioni, attraverso l’attivazione di strumenti in grado di attivare lo sviluppo locale “dal basso” e, conseguentemente, ridurre nel tempo il divario tra gli Stati (o regioni di Stati) in ritardo di sviluppo e quelli più avanzati. Il seguente lavoro di tesi, organizzato in tre capitoli, ha per oggetto lo studio della Progettazione integrata territoriale quale modalità operativa di spesa di tali Fondi. Il primo capitolo si propone di offrire un quadro, quanto più possibile esaustivo, del Progetto Integrato Territoriale (PIT) e si sostanzia nella definizione del medesimo e del quadro legislativo di riferimento, per meglio comprendere lo strumento in esame e definirne le linee guida e gli ambiti di applicazione. L’analisi prosegue con l’individuazione degli obiettivi, delle strategie e dei requisiti necessari affinché un PIT possa innescare, attraverso un approccio integrato, un processo di sviluppo locale. Ampio spazio è dedicato al “ciclo di vita” del PIT in tutte le sue fasi con la finalità di comprenderne i punti di forza e i punti di debolezza, le opportunità e i vincoli e dare una chiara visione dello strumento della progettazione integrata territoriale quale modalità attuativa dei programmi operativi delle regioni Obiettivo 1. Il secondo capitolo si concentra nell’analisi della progettazione integrata nella Regione Calabria, partendo dalle caratteristiche socio-

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Antonella Galluzzo Contatta »

Composta da 155 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1501 click dal 23/10/2008.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.