Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Studio dei parametri caratteristici di fotomoltiplicatori multipixel a stato solido di tipo SiPM

Spiegazione dettagliata del principio di funzionamento e studio del guadagno e del rumore dei SiPM: Silicon Photomultipliers, fotorivelatori multipixel a stato solido al silicio

Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione La Fisica sperimentale e` la branca della Fisica che si occupa della verifica delle tesi teoriche. Essa, infatti, utilizza strumenti in grado di restituire dati numerici per mezzo dei quali si puo´ dimostrare l’at- tendibilita` delle teorie. Nell’ambito della Fisica Nucleare, della Fisica Medica, delle Alte Energie, nonche´ dell’Astrofisica, per la rilevazione di particelle cariche ( quali, ad esempio, muoni, elettroni o altri tipi di particelle derivanti da reazioni di tipo nucleare o semplici ionizzazioni ), e` sempre piu` frequente l’utilizzo di fotorivelatori. Essi sono collegati, per mezzo di fibre ottiche, o ad uno scintillatore organico oppure sono esposti direttamente a sorgenti di fotoni e sono costituiti, a differenza dei fototubi, da una superficie di rilevazione in silicio. Questo nuovo tipo di fotorivelatori e` indicato con diversi nomi a dis- crezione della casa produttrice. Ho avuto modo, infatti, di testare sia i fotorivelatori al silicio prodotti dalla fondazione IRST di Trento, chiamati appunto SiPM, acronimo della sigla inglese: Silicon Pho- to Multipliers, sia i fotomoltiplicatori, dello stesso tipo, ma prodotti dall’azienda giapponese Hamamatsu, denominati MPPC (Multi-Pixel Photon Counter), gia` testati dall’azienda stessa e per questo funzio- nanti al loro regime ottimale e alla massima stabilita` ( dal punto di vista della riproducibilita` delle condizioni geometrico-sperimentali e della resa in guadagno-rumore ). Lo scopo della tesi e` quello di caratterizzare i SiPM calcolando, in funzione delle varie tensioni di alimentazione, il guadagno totale e di determinare il rumore al buio (dark noise) prodotto dal rivelatore per ciascuna di queste tensioni. Visionando ed elaborando i dati ottenu- ti, con strumenti informatici ed analitici, si e` cercato di determinare 1

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali

Autore: Fin Samuele Contatta »

Composta da 71 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 499 click dal 04/11/2008.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.