Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il concorso esterno nei reati associativi

Il lavoro affronta la problematica assai controversa del concorso esterno nei reati associativi, tesa a verificare, sotto il profilo dogmatico-sistematico, la compatibilità astratta della disciplina del concorso di persone nel reato alla generalità delle fattispecie associative e, sotto l'aspetto politico-criminale, la possibilità di reprimere le pericolose condotte di connivenza e contiguità ai sodalizi criminali, poste in essere da soggetti che non fanno parte di tali sodalizi.
Il lavoro prende in esame il complesso iter giurisprudenziale e le contrastanti posizioni dottrinali che hanno accompagnato il concorso esterno sin dalla sua nascita all'interno delle pronunce della Corte di Cassazione fino ai giorni nostri, fornendo talune indicazioni in merito ai profili de iure condendo e alle esigenze di tipizzazione delle attuali condotte concorsuali esterne, volte a dirimere i numerosi aspetti problematici che sono emersi in questi anni in relazione alla presunta ammissibilità di tale imputazione.

Mostra/Nascondi contenuto.
7 Capitolo I I REATI ASSOCIATIVI: PROBLEMI DOGMATICI E SOLUZIONI GIURISPRUDENZIALI 1.1 Premessa Prima di passare all’attenta disamina della questione relativa all’ammissibilità dello schema concorsuale esterno in reato associativo, si rende necessario un breve ed indicativo excursus sulle gravi lacune che caratterizzano questo settore del nostro sistema penale. La finalità di tale panoramica non è quella di analizzare nei dettagli tutte le questioni dogmatiche e interpretative che agitano tale categoria di reati, ma le sommarie indicazioni che seguono risultano utili ai fini di inquadrare la complessa materia su cui si innesta la problematica in esame. Gli enormi sforzi analitici attuati dalla dottrina, non hanno ancora permesso di ottenere risposte plausibili in merito ad una definizione univoca di concetti quali quelli di associazione, partecipazione o accordo: parimenti, le differenti posizioni della giurisprudenza sui fenomeni di criminalità associativa, mostrano un approccio alla materia assai

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Emiliano Sisto Contatta »

Composta da 294 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4735 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 26 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.