Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Prima ipotesi di controllo della qualità ambientale in aziende agribiologiche

Tesi destinata all’individuazione e al collaudo di una nuova metodologia per la valutazione della qualità ambientale di aziende agricole biologiche, allo scopo di proporre eventuali miglioramenti non incidenti sull’attività produttiva e in grado di implementare la biodiversità negli agroecosistemi.
Aziende agricole biologiche referenti:
- Agriturismo Torrazzetta, Borgo Priolo (PV);
- Agriturismo Cucinone, Pinarolo Po (PV);
- Le Vecchie Tradizioni, Santa Giuletta (PV);
- Cascina Calignago, Marcignago (PV).

Mostra/Nascondi contenuto.
I Presentazione L’ecomosaico territoriale attuale non edificato è sostanzialmente costituito per la maggior parte da agroecosistemi, nei quali l'antropizzazione ha prodotto alcune trasformazioni: 1) espansione della rete infrastrutturale; 2) accorpamento dei poderi e ulteriore implementazione della meccanizzazione dell'agricoltura, con sua intensificazione e trasformazione dei seminativi arborati (la classica piantata padana) in frutteti e vigneti intensivi o in seminativi semplici, con forte tendenza alla monocoltura. Negli ambienti limitrofi alle quattro aree oggetto del presente studio, caratterizzate da differente realtà agribiologica, possiamo distinguere aree di origine antropica che comprendono zone urbanizzate (abitativo rado e denso, spazi verdi urbani), zone industriali e infrastrutture, e aree naturaliformi e seminaturali comprendenti zone boscate, cespuglieti e scarpate stradali e ferroviarie con vegetazione arbustiva, formazioni prative e scarpate stradali e ferroviarie con vegetazione erbacea. Quindi, mentre il paesaggio intorno alle aziende studiate è stato completamente trasformato dalle nuove tecniche agricole di stampo convenzionale, che utilizzano prodotti di sintesi (agrofarmaci e fertilizzanti), le aziende agricole biologiche sembrano conservare un aspetto “antico” perché i loro gestori hanno deciso di non passare alle colture intensive. L’agricoltura biologica è un tema di grande attualità per tale motivo si è ritenuto opportuno trattarlo esaurientemente mettendo anche in evidenza la gestione biologica delle singole colture agrarie praticate nelle aziende studiate. Le ipotesi di ricostituzione e/o conservazione del paesaggio e degli agroecosistemi sono state elaborate soprattutto nell’ottica di miglioramento ambientale e variazione dell’ecomosaico, infatti alle osservazioni dirette ha fatto seguito la valutazione complessiva della qualità ambientale delle aziende studiate e la stesura di proposte destinate al miglioramento dell’ecomosaico e

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali

Autore: Giulia Cordisco Contatta »

Composta da 158 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 664 click dal 28/10/2008.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.