Skip to content

Profili di espressione di geni di difesa in genotipi di pomodoro

Informazioni tesi

  Autore: Valentina Coppola
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2006-07
  Università: Università degli Studi di Napoli - Federico II
  Facoltà: Scienze Biotecnologiche
  Corso: Biotecnologie agrarie
  Relatore: Rosa Rao
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 98

The development of an appropriate defence requires that plants recognize pests as early as possible. Consequently, plant responses are correlated to the mode of insect feeding and the degree of tissue damage at the feeding site. Although phloem-feeding pests, including aphids, cause extensive crop damage, little is known about how plants perceive these arthropods and activate endogenous defences. Aphids are highly specialized in their mode of feeding and impose a complex stress on plants. Differently from herbivorous pests, the prolonged interaction of aphid stylets and plant tissue causes minimal mechanical damage and consequently, plant respond to aphids activating various processes. They include a gene-for-gene recognition of aphid-derived elicitors by plant resistance genes and an activation of pathogen- and wound-induced pathways (Smith C.M. and Boyko E.V., 2007).
We analyzed the transcriptional changes of some defensive genes in tomato genotypes that are susceptible or resistant to aphids. The material analyzed included two landraces, AN5 and AN7, that were collected in Campania. These landraces have high levels of direct and indirect resistance to Macrosiphum euphorbiae in comparison to the control tomato cultivar M82.
A CAPS analysis of four resistance genes to biotic stress (including REX1, associated with Mi that confers resistance against the potato aphid, M. euphorbiae , and root-knot nematodes) did not show differences, being all the genotypes susceptible. The expression analysis of genes involved in direct and indirect defense against insects was carried out by real-time PCR in absence and after controlled infestations with M. euphorbiae. The genes analyzed were selected considering their known role in different biotic stress-response such as those involved in the synthesis of PR proteins (P4 and Pti4), direct and indirect defense against herbivores (TomLoxC, TomLoxD, HPL and GCS) and jasmonate biosynthesis (prosystemin).
The data indicated that the plant response to aphids involves different metabolic pathways, as expected. More interestingly, the results indicated that the constructive over-expression of genes that respond to aphid associates with higher level of direct and indirect defense in tomato. Differences after infestations between resistant and susceptible genotypes were limited. The results suggest that the resistance observed in the landraces AN5 and AN7, although probably complex and multifactorial, should be related to constitutive higher level of expression of defensive genes, implying that the modulation and the exploitation of endogenous plant defense should be a practicable strategy to improve tomato resistance against aphids.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
3 1. INTRODUZIONE 1.1. Gli insetti come fattori limitanti l’agricoltura Fin dalla nascita dell’agricoltura l’istinto e la necessità sono stati i fattori che hanno portato l’uomo prima ad individuare e moltiplicare le piante spontanee eduli o comunque utili, e poi a selezionare, tra le specie domesticate, quelle più adatte ad un ambiente, meno danneggiate dalle avversità e capaci di dare raccolti più abbondanti e qualitativamente migliori. In questa continua ricerca del meglio, l’agricoltore è riuscito a selezionare i tratti delle piante e in qualche modo modificare l’ambiente in cui esse crescono; con minor successo ha operato per evitare o tenere a freno i tanti fattori avversi che sempre hanno devastato i campi e ridotto i raccolti. Infatti, anche oggi, la gran parte delle perdite agricole sono dovute a stress di tipo biotico, di cui il 10-20 % sono imputabili a insetti erbivori, tra i fattori maggiormente limitanti la produzione (Ferry et al., 2004). Gli insetti sono tra i più antichi abitatori delle terre emerse e la loro comparsa risale a cento milioni di anni fa. Nel corso del tempo la selezione naturale ha fatto si che questi individui conquistassero ogni ambiente dove vi fosse materiale organico da consumare. Essi sono abbondanti negli ecosistemi complessi, nei quali sono componenti essenziali delle catene alimentari o trofiche (Tremblay, 1999). Le piante terrestri rappresentano una fonte di cibo per un milione e più di specie di insetti appartenenti a diversi gruppi taxonomici. Questi ultimi usano diverse strategie per alimentarsi e ottenere nutrienti dalle loro piante ospiti (Howe et al., 2007) e oggi si tende a definire fitofaghe soltanto le specie che vivono a spese delle piante attaccandole con apparato boccale masticatore, mentre a quelle che succhiano la linfa vegetale è riservato il termine di fitomize (Tremblay, 1999).

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

afidi
gene mi
insetti
interazione pianta-insetto
pathway degli octadecanoidi
pathway dell'acido salicilico

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi