Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le strategie di marketing nella promozione del cinema indipendente americano in Italia. I casi di The Blair Witch Project, Little Miss Sunshine e Paranoid Park

Questa tesi si propone di analizzare il cinema indipendente americano, partendo dall' evoluzione che ha caratterizzato il concetto di indipendenza lungo la storia del cinema.
L' indipendenza cinematografica ha trovato negli Stati Uniti la sua "culla" ideale fino alla formazione delle grandi majors dei nostri giorni. Oggigiorno è sempre più difficile definire il confine di separazione tra ciò che è "on Hollywood" e ciò che è "off Hollywood", per questo il presente lavoro si propone di analizzare le strategie di marketing messe in atto dai distributori italiani ed americani per trovare una distribuzione alle pellicole indipendenti americane.

Mostra/Nascondi contenuto.
 INTRODUZIONE L’ industria cinematografica ha generato un campo di ricerca fruttifero per gli studiosi di marketing e di altre discipline ad esso contigue. Essa ha una elevata importanza economica ed attrae gli studiosi perché offre sia importanti informazioni che abbracciano l’ intero ciclo di vita del prodotto, sia perché crea nuovi rebus da risolvere. Negli ultimi due decenni l’ interesse di ricerca accademica su questioni correlate all’ industria cinematografica è cresciuto sensibilmente per una serie di fattori. Primo, questa industria ha una elevata importanza economica nell’ economia globale di un Paese : basti pensare che soltanto negli USA impiega oltre mezzo milione di persone 1 . Secondo, essa ha un grande significato culturale ed attrae molta attenzione : i film di grande interesse sociale hanno un impatto sproporzionato sulla cultura americana e, in generale, sulla cultura di tutto il mondo. Terzo, la disponibilità di numerosi dati statistici rende l’ industria cinematografica particolarmente appetibile dalla prospettiva della ricerca. Quarto, esistono rebus intriganti a cui cercare di trovare soluzione come, ad esempio, sapere quanto sia ancora ottimale una politica di uniformazione del prezzo dei biglietti, sia per i consumatori che per i distributori e gli esercenti. In un contesto del genere, il presente lavoro ha l’ obiettivo di analizzare come il settore indipendente dell’ industria cinematografica riesca ad ottenere dei buoni risultati commerciali, malgrado l’ elevatissimo livello di competitività che caratterizza il cinema contemporaneo. I registi e i distributori indipendenti sono costretti a cercare strategie di marketing che vadano oltre il solito mix pubblicitario composto da flani, affissioni, televisione e radio, per poter trovare un proprio posto nella mente del potenziale fruitore cinematografico. In seguito al passaggio dal sistema analogico di produzione, distribuzione e proiezione filmica a quello digitale, alcuni osservatori dell’ industria si aspettano che la tecnologia digitale porterà ad un cambio nella struttura di potere, in quanto, con l’                                                              1  Dipartimento del lavoro degli Stati Uniti, 2004  6   

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Interfacoltà Economia - Lettere e Filosofia

Autore: Alessio Guetti Contatta »

Composta da 260 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4889 click dal 03/11/2008.

 

Consultata integralmente 9 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.