Skip to content

La manutenzione programmata sul sito archeologico di San Vincenzo al Volturno: Analisi e indagini preliminari sulla cappella di Santa Restituta

Informazioni tesi

  Autore: Marcello Mottola
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2005-06
  Università: Università degli Studi Suor Orsola Benincasa - Napoli
  Facoltà: Lettere
  Corso: Diagnostica e Restauro (operatore dei Beni Culturali)
  Relatore: Sassetti Carlo
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 105

L’esigenza conservativa come esigenza determinante pone il problema di compatibilità tra necessità conservativa e spazialità autonoma dell’opera e del suo godimento; la risposta viene data dal fatto che per talune vitali alterazioni gli interventi preventivi, come sottolinea Brandi: “potranno rivelarsi anche contrari in parte alle esigenze che all’opera d’arte si riconoscono in quanto opera d’arte; e cioè l’opera d’arte, in quanto costa di una certa materia o di un certo coacervo di materie, può avere rispetto alla sua conservazione esigenze contrarie o comunque limitative rispetto a quelle che le si riconoscono per il suo godimento come opera d’arte”. Ponendosi la conservazione come un vero e proprio “imperativo morale”, possono in effetti darsi casi in cui l’esigenza conservativa debba prevalere su quella estetica. Dal momento che tutto ciò che è in condizione di rudere non è in alcun modo conservabile in maniera diretta, e cioè facendo conto solo sul consolidamento dello stato di fatto, e dal momento che lo spazio della nostra vita non ha ormai più nulla a che vedere con lo spazio-ambiente relativamente inalterato, in cui questi ruderi furono sino al nostro tempo, il restauro preventivo è l’intervento indiretto oggi necessario e può consistere in un radicale mutamento dell’attuale spazio ambiente ultra-degradato. L’intervento preventivo può consistere nel creare attorno al rudere un involucro che lo ponga in condizioni ambientali controllate e, attraverso un controllo climatico costante, porre un piano di accertamento periodico di operazioni da effettuare sul manufatto.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
2 Premessa La definizione di manutenzione programmata John Ruskin e William Morris, già nella seconda metà del 1800, proponevano la manutenzione al posto degli interventi di restauro, molto più complessi e invasivi e considerati come la conseguenza rovinosa di una cattiva manutenzione. In questo senso ci colpisce la citazione di Ruskin “Prendetevi cura dei vostri monumenti e non ci sarà bisogno di restaurarli”. 1 Questa felice intuizione, spesso è ripresa ma ancor più spesso è disattesa, perché, proprio con una manutenzione ordinaria e programmata, è possibile salvare “il monumento” e quindi limitarne il deterioramento e gli interventi di restauro. Spesso il problema della relazione fra l’uomo e le testimonianze materiali del suo passato è stato oggetto di discussione e di pensiero, si è cercato di stabilire delle norme e di codificare pratiche che permettessero di intervenire sul patrimonio ereditato, ad esempio, nell’architettura, la possibilità di un eventuale riutilizzo delle strutture antiche, nel quadro di un progetto architettonico o urbanistico, era il solo criterio considerato valido per scegliere fra la conservazione o l’abbandono. Invece l’attenzione nei confronti di strutture che avessero perso la loro funzione o che fossero danneggiate al punto da non poterne assumere una nuova, divenivano rovine e ruderi restando solamente mere o romantiche tracce di un passato appena noto. Cesare Brandi nella “Teoria del restauro”, definisce come “rovine”, tutto ciò che non può essere riportato alla sua elaborazione formale 1 The Stones of Venice (1853) - in it. Le pietre di Venezia, JOHN RUSKIN rivisita lo splendore artistico della civiltà veneziana in contrapposizione con la decadenza culturale, civile e artistica della modernità

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

analisi e indagini preliminari sulla cappella
archeologia
arte
arte&dintorni
beni culturali
cappella di s. restituta
carlo sassetti
cesare brandi
conservazione
diagnostica
dipinti murali
la manutenzione programmata sul sito archeologico
manutenzione programmata
marcello mottola
marco citterio
massimiliano marazzi
medioevo
metodologia del restauro
progetto di manutenzione programmata
restauro
restauro elementi lapidei
san vincezo al volturno
sito medioevale
suor orsola benincasa

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi