Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Aspetti finanziari e reali della cartolarizzazione dei crediti delle imprese siciliane

La tesi analizza dettagliatamente gli articoli della Legge Nazionale, alcune strutture tipiche di securitization e gli aspetti ad esse connessi. Sono descritte brevemente le principali operazioni di cartolarizzazione svolte in Italia, commentate sulla base del risultato dell’indagine condotta dalla Corte dei Conti sull’utilizzo dello strumento, approvata il 21 marzo 2006.
La seconda parte dell’elaborato contiene la legislazione regionale di una particolare operazione di cartolarizzazione trattata nel terzo capitolo. La L.R. 3 maggio 2001, n. 6 art. 29 ha concesso alle imprese beneficiarie dei contributi riconosciuti dalla Regione Siciliana (L.R. 15 maggio 1991, n. 27 art. 9 “Contributi alle imprese per assunzioni a tempo indeterminato) di scegliere tra la loro riscossione in un'unica soluzione, mediante la cessione del credito per la cartolarizzazione oppure con pagamento dilazionato in sette anni.
L’operazione intrapresa dalla Regione Siciliana è originale, riflette gli aspetti tecnici tipici delle operazioni di cartolarizzazione (cessione in blocco pro- soluto di un portafoglio di crediti non trasferibili aventi caratteristiche di relativa omogeneità, per stato di solvibilità o per forma tecnica ad una Società Veicolo, collocamento degli ABS sul mercato al fine di produrre l’entrata finanziaria necessaria per il pagamento del prezzo di acquisto o di cessione dei crediti, e così via), ma allo stesso tempo rappresenta un eccezione agli schemi tipo. Infatti, le tradizionali securitization sono caratterizzate da più debitori ed un solo creditore; il caso, analizzato nel terzo capitolo, presenta un solo debitore, la Regione Siciliana, e più creditori: le imprese beneficiarie dei contributi vantati in riferimento alla L.R. 15 maggio 1991, n. 27 art. 9.

Mostra/Nascondi contenuto.
6 Premessa La cartolarizzazione (securitization) è un modello finanziario e contrattuale che permette di smobilizzare poste attive illiquide. È una particolare operazione off- balance, che permette di alterare il profilo di rischio del portafoglio crediti originario dell’impresa (mediante l’istituto della cessione del credito) e la struttura del capitale di finanziamento. Le securitization sono nate negli Stati Uniti intorno alla metà degli anni settanta, per volontà delle banche di alleggerire i propri bilanci dai facili e ingenti mutui ipotecari, erogati durante una fase molto intensa di crescita del mercato immobiliare. Tali operazioni sono state possibili per le caratteristiche tecniche dei mutui: simili e standardizzati con una vita residua generalmente lunga, e per l’intervento di istituzioni sponsorizzate dal governo federale, chiamate conduit bank, come: The Federal National Mortgage Association, The Government National Mortgage Association, The Federal Home Loan Mortgage Corporation. Rimangono esclusiva degli USA fino al 1995 e nel frattempo nuove attività sono diventate oggetto dell’operazione, tra cui esposizioni nei confronti di titolari di carte di credito e di credito al consumo, mutui fondiari, prestiti concessi per l’acquisto di autoveicoli, contratti di leasing relativi a sistemi informatici, etc. In Gran Bretagna le Asset Backed Securitization (ABS) sono frutto della deregolamentazione strutturale, che ha permesso a nuovi intermediari di affacciarsi al mercato immobiliare e di conquistare nuove fonti di profitto. Nascono istituzioni specializzate come: National Home Loan Corporation (emittente il primo “Mortgage Backed Bond”), Household Mortgage Corporation e Mortgage Corporation e, da allora, il mercato Europeo ha registrato elevati tassi di crescita, nonostante numerosi vincoli normativi e fiscali. In Francia fino al 1991 sono state compiute soltanto otto securitization, nessuna delle quali avente ad oggetto mutui ipotecari; le loro caratteristiche (un tasso fisso inferiore a quello di mercato e la possibilità di estinzione anticipata), infatti, rendevano economicamente non conveniente l’operazione.

Laurea liv.I

Facoltà: Economia

Autore: Alexandra Bruno Contatta »

Composta da 83 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1079 click dal 22/10/2008.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.