Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Verifica della fattibilita' nella produzione di alcool carburante ed effetti sull'ambiente

Questo elaborato approfondisce la verifica della fattibilita' nella produzione di alcool carburante ed effetti sull'ambiente

Mostra/Nascondi contenuto.
4 1. L’ALCOOL ETILICO. L’etanolo è stato il primo carburante per motori a scoppio della Storia. Da allora, ogni volta che eventi straordinari hanno ridotto di molto la disponibilità di benzina fossile, l’etanolo è stato usato come sostituto. Ad esempio, sia durante la prima e sia durante la seconda guerra mondiale furono costruiti, particolarmente in Germania, diversi impianti per la produzione di etanolo-carburante. In anni più recenti, altre esigenze hanno portato a rendere procedura consueta in molte nazioni la sostituzione o almeno l’additivazione dei carburanti tradizionali con alcool etilico. Nei paesi industrializzati questo viene fatto soprattutto per rispettare le nuove esigenze ambientali, mentre alcuni paesi del Terzo Mondo produttori di biomassa, come il Brasile, possono per questa via risparmiare notevoli quantitativi di petrolio, spinti dalle difficoltà di approvvigionamento e dal notevole rialzo nei costi in valuta pregiata dell'energia fossile, dopo le prime crisi petrolifere degli anni '70. Un ruolo fondamentale è stato tuttavia giocato dalle riflessioni sulle turbative ambientali collegate alla combustione – per la prima volta nella Storia - di enormi quantitativi di petrolio usati a scopo energetico. In particolare la frazione di energia utilizzata su scala mondiale nei motori per autotrazione ha ormai assunto un’importanza tale da rendere necessaria la ricerca su tutti i possibili carburanti sostitutivi del petrolio. Soltanto in ambito italiano, facendo riferimento ai dati pubblicati dalla Unione Petrolifera, i consumi recenti sono stati: CONSUMI PETROLIFERI IN ITALIA (1998) (tonnellate x 10 3 per anno) Benzina 17.982 Gasolio per auto 17.142 Gasolio per riscaldamento 3.765 FONTE [1]. I motivi che spingono verso l'impiego di carburanti diversi da quelli di origine fossile sono multiple: ξ dichiarata tossicità di alcune componenti delle benzine fossili. ξ disponibilità comunque limitata, nel lungo periodo, delle risorse fossili stesse.

Tesi di Laurea

Facoltà: Ingegneria

Autore: Federico Ranieri Contatta »

Composta da 91 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1718 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.