Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Analisi di quantum dots mediante microscopia Ns-Afm

Mediante un microscopio a forza atomica del tipo needle-sensor sono state investigate con risoluzione nanometrica le caratteristiche topologiche di quantum dots InAs/GaAs stacked cresciuti con tecnica ALMBE, esaminandone le variazioni al variare del numero di strati ed individuando la presenza di tre famiglie distinte di quantum dots che sono state caratterizzate.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 Introduzione Sin dall'anno dell'invenzione del transistor (1947) l'interesse per i materiali semiconduttori è stato sempre crescente. Essi sono stati oggetto di numerosi studi ed hanno dato vita ad un'intera industria. Mentre al centro dell'interesse industriale rimane soprattutto uno di questi materiali, il silicio, le cui numerose applicazioni hanno dimostrato una grande vitalità, la ricerca scientifica sui semiconduttori si è spostata prevalentemente sulle strutture composte da differenti materiali semiconduttori, dette eterostrutture. In queste strutture si ha soprattutto un grande vantaggio costituito dal fatto che l'interazione tra i diversi materiali genera delle caratteristiche che non possono essere ottenute con l'uso di un singolo materiale. Tra le più sofisticate di queste strutture sono i quantum dots, nanostrutture in cui i portatori di carica sono confinati in ogni dimensione su lunghezze paragonabili alla loro lunghezza d'onda di De Broglie. Lo stato attuale della ricerca è appunto la studio delle proprietà dei quantum dots e delle modalità possibili per ottenerne insiemi il più possibile uniformi. Dal punto di vista pratico, i quantum dots potrebbero essere usati per la costruzioni di laser ed altri dispositivi optoelettronici a basso consumo, alta efficienza e capaci di operare in una vasta gamma di temperature. L'interesse scientifico di tali eterostrutture in grado di confinare i portatori in tre dimensioni consiste nella possibilità di analizzare fenomeni elettronici, ottici e magnetici tipicamente quantistici. Oltre a questo, la manipolazione diretta di singoli elettroni confinati apre le porte ad una estensione naturale della microelettronica detta nanoelettronica che promette, oltre alla logica evoluzione nelle capacità

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali

Autore: Sergio Capoleoni Contatta »

Composta da 137 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1569 click dal 20/03/2004.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.