Skip to content

La recidiva post-indulto: aspetti psichiatrico-forensi

Informazioni tesi

  Autore: Edvige Chiara Zacheo
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2007-08
  Università: Università degli Studi del Salento
  Facoltà: Scienze della Formazione
  Corso: Scienze pedagogiche
  Relatore: Oronzo Greco
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 202

In questo lavoro di tesi si affronteranno gli effetti che ha sortito il provvedimenro di indulto sulle carceri italiane, le differenze che esso ha prodotto tra la popolazione dei detenuti italiana e quella straniera e il grado di recidiva che ne è seguito. Si focalizzerà inoltre l'attenzione su chi è rientrato in carcere tornando a scontare una misura alternativa precedentemente concessa, su chi, rientrando, sconta la condanna detentiva classica e le diverse conseguenze derivanti da tali circostanze.
Si analizzerà poi il ruolo del'opinione pubblica nel trattare l'argomento indulto e le conseguenze del potere mediatico sulla percezione del rischio da parte dei cittadini.
In seguito prendendo in considerazione precedenti indulti e amnistie a patire dai dati resi pubblici dal Dipartmento dell'Amministrazione Penitenziaria e da vari studi compiuti dal Consiglio Nazionale delle Ricerche, si proverà a determinare il tasso di recidiva nel coorso degli anni, le caratteristiche dello stesso, la tendenza e le cause che portano alla recidiva degli stranieri e degli italiani. Sarà data risposta alla domanda: "Quale relazione esiste tra l'aumento dei reati ed il numero di indulti concessi e quale tra i rientri in carcere e le scarcerazioni per amnistia?".
Nell'ultima parte di questo lavoro sarà infine svolto un confronto critico tra le statistiche nazionali e quelle locali prodotte dai dati raccolti nella Casa Circondariale "Borgo San Nicola" di Lecce. Lo scopo è quello di trarre alcune prime conclusioni riguardo alle misure da attuare per attenuare, o meglio, prevenire le conseguenze negative del provvedimento. Per l'autrice risulta imprescindibile la necessità di sottolieare già fin da ora come il coinvolgimento degli operatori carcerari e la possibilità di promuovere progetti tra enti di giiustizia e territorio possano fornire un aiuto concreto alla realizzazione degli obiettivi dichiarati.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Prefazione Prefazione Con la Legge n. 241 del 31 luglio 2006 è stato approvato il provvedimento d’indulto riguardante i reati commessi fino al 2 maggio 2006 nella misura non superiore ai 3 anni per le pene detentive e non superiori a 10.000 euro per pene esclusivamente pecuniarie o congiunte a pene detentive. Il provvedimento include i reati finanziari e quelli contro la pubblica amministrazione, mentre sono esclusi alcuni reati previsti dal codice penale, tra cui i principali risultano: associazione sovversiva, associazioni con finalità di terrorismo anche internazionale e di eversione dell’ordine democratico, strage, sequestro di persona, banda armata, associazione per delinquere finalizzata alla commissione dei delitti di cui agli articoli 600, 601 e 602 del codice penale, associazione di tipo mafioso, riduzione in schiavitù, produzione, traffico e detenzione illecita di sostanze stupefacenti, prostituzione minorile, pornografia minorile, violenza sessuale, usura, riciclaggio. Il beneficio dell’indulto è revocato se chi ne ha usufruito commette entro 5 anni dalla data di entrata in vigore della legge un delitto non colposo per il quale riporti condanna a pena detentiva non inferiore a 2 anni. Con l’applicazione di questa legge si è voluto rimediare al grave sovraffollamento degli istituti penitenziari che a partire dagli anni ‘90 ha visto aumentare il numero di detenuti sia stranieri che italiani, il più alto in 15 anni; 1

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi