Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Sequestro preventivo e confisca per equivalente

Le misure cautelari reali : considerazioni introduttive
Le misure cautelari si dividono in due differenti categorie : misure cautelari personali (artt. 272 ss. c.p.p. che a loro volta si distinguono in coercitive ed interdittive ) e misure cautelari reali (artt. 316 ss. c.p.p. ) e trovano la propria collocazione sistematica nel libro IV del nuovo codice di procedura penale.
Le cautele reali, in particolare, incidono, limitandola, sulla libera disponibilità di una “res”, così affiancandosi alle cautele di carattere personale volte, invece, ad imporre dei vincoli alla libertà fisica o di azione del soggetto nei cui confronti si procede .
Il fondamento delle misure cautelari si rinviene nella necessità di creare “una serie di situazioni intermedie volte a stabilire una continuità tra situazione giuridica di partenza e situazione giuridica finale ” , ciò al fine di evitare che il trascorrere del tempo necessario al processo per addivenire ad una conclusione possa compromettere l’ effettiva eseguibilità della decisione finale .
Per quanto, poi, attiene ai requisiti sostanziali delle cautele reali deve rilevarsi come questi siano stati identificati quasi tutti nella “ provvisorietà ” e nella “ strumentalità ” .
Con il primo concetto si è voluto fare riferimento alla limitazione temporale degli effetti del provvedimento cautelare, mentre con il secondo alla preordinazione e connessione del provvedimento stesso rispetto alla susseguente emanazione del provvedimento definitivo .
Per quanto concerne la “ provvisorietà ” si rende peraltro necessario evidenziare come, nella sua accezione letterale, la stessa non coincida meramente con il termine “temporaneità”, da intendersi una “situazione limitata nel tempo”, bensì identifichi una situazione che produce i suoi effetti fino al sopraggiungere di un evento successivo in vista ed in attesa del quale la misura cautelare è stata adottata .
Il provvedimento cautelare è quindi destinato ad esaurirsi nel momento in cui sopraggiunga una decisione definitiva sul merito della regiudicanda oppure, tanto nella fase delle indagini preliminari, quanto in quella processuale, quando vengano a mancare, anche per fatti sopravvenuti, i presupposti che lo giustificavano .
L’ ulteriore caratteristica della “ strumentalità ”, in cui si manifesta il tratto distintivo fondamentale delle misure cautelari reali, deve individuarsi nell’inidoneità del provvedimento cautelare ad estrinsecarsi in modo autonomo rispetto all’ accertamento processuale del fatto di reato in relazione al quale la cautela è stata imposta .
Il procedimento cautelare si inserisce, dunque, nel processo principale in chiave di strumentalità ed accessorietà risultando per tale ragione puramente eventuale ed accessorio .
Per quanto concerne, poi, le condizioni necessarie per adottare una misura cautelare reale, dallo studio della relativa disciplina, è emerso come essa sia subordinata al preventivo accertamento della ricorrenza del periculum in mora e del fumus boni iuris, requisiti che è necessario sussistano per tutta la sua durata.
Con il “periculum in mora”, in particolare, si vuole fare riferimento ad una situazione di urgenza costituita dal rischio che all’ interesse tutelato dalla norma possa derivare un danno nel caso di ritardata esecuzione della misura; mentre il “fumus boni iuris” si identifica invece in un “favorevole giudizio di probabilità circa il verificarsi della futura situazione che si vuole cautelare ”

Mostra/Nascondi contenuto.
4 1 - Le misure cautelari reali : considerazioni introduttive Le misure cautelari si dividono in due differenti categorie : misure cautelari personali (artt. 272 ss. c.p.p. che a loro volta si distinguono in coercitive ed interdittive ) e misure cautelari reali (artt. 316 ss. c.p.p. ) e trovano la propria collocazione sistematica nel libro IV del nuovo codice di procedura penale.1 Le cautele reali,2 in particolare, incidono, limitandola, sulla libera disponibilità di una “res”, così affiancandosi alle cautele di carattere personale 3 volte, invece, ad imporre dei vincoli alla libertà fisica o di azione del soggetto nei cui confronti si procede . Il fondamento delle misure cautelari si rinviene nella necessità di creare “una serie di situazioni intermedie volte a stabilire una continuità tra situazione giuridica di partenza e situazione giuridica finale ”4, ciò al fine di evitare che il trascorrere del tempo necessario al processo per addivenire ad una conclusione possa compromettere l’ effettiva eseguibilità della decisione finale . Per quanto, poi, attiene ai requisiti sostanziali delle cautele reali deve rilevarsi come questi siano stati identificati quasi tutti nella “ provvisorietà ” e nella “ strumentalità ”5. 1 Il nuovo codice di procedura penale è stato approvato con decreto del Presidente della Repubblica n. 447 del 22 settembre 1988 ed è entrato in vigore il 24 ottobre 1989, in G.U.n.250 del 24 ottobre 1989 . 2 Il titolo II del libro IV del codice di rito , prevede due diverse tipologie di sequestro : quello “conservativo” ex art. 316 c.p.p. che è preordinato ad evitare che vengano a mancare o si disperdano le garanzie reali per il pagamento della pena pecuniaria, delle spese di giustizia e delle obbligazioni civili nascenti dal reato e quello “preventivo” ex art.321 c.p.p. che a differenza del precedente mira ad interrompere l’iter criminoso o ad impedire la commissione di nuovi reati . Accanto a questi ultimi viene affiancata dal legislatore una terza ed ulteriore specie costituita dal “sequestro penale” ex art. 253c.p.p. finalizzato ad assicurare il corpo del reato o le cose ad esso attinenti,che trova la propria collocazione sistematica nel libro III del codice di rito. 3 Le cautele a carattere personale mirano, appunto, a costituire limitazioni a libertà personali e per tale ragione possono essere disposte solo da un giudice sia se richieste nella fase delle indagini preliminari, sia se applicate in quella processuale di merito. 4 G.De Luca,Lineamenti della tutela cautelare penale . La coercizione preventiva,Padova,1953,27. 5 Lo studio della disciplina delle cautele reali, ha, infatti, portato in particolare alla formulazione di una moltitudine di teorie , le quali approfondendone i contenuti essenziali sia “dal punto di vista dell’azione” che “sotto il profilo del processo”, sono arrivate ad enuclearne i requisiti sostanziali

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Roberto Antonio Aiello Contatta »

Composta da 119 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 8920 click dal 06/11/2008.

 

Consultata integralmente 12 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.