Skip to content

Le circoscrizioni ecclesiastiche e le circoscrizioni civili alla luce della normativa UE: il caso del Friuli Venezia Giulia

Informazioni tesi

  Autore: Stefania Coco
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2007-08
  Università: Università degli Studi di Firenze
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Relazioni internazionali
  Relatore: Francesco Margiotta Broglio
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 238

Argomento di questa tesi è capire come i confini mutano, scompaiono e tornano a ricrearsi, come influiscono, sul territorio, sull'identità, nei processi storici e religiosi.
E per comprendere ciò, guarderemo all'area di confine più controversa in Italia, quella del Friuli-Venezia Giulia, dove per i confini, tanto civili quanto religiosi, si sono scritti libri, intessuti accordi, combattute guerre.
Eppure, nonostante le violenti divisioni, rese ancora più dure dalle scelte arbitrarie della politica, sembra ancora esistere la voglia di unire quei confini, servendosi della normativa comunitaria, per andare oltre le barriere che hanno separato per anni realtà che per lungo tempo hanno rappresentato un unicum.
Inizieremo quindi con l'esaminare quale potere hanno i confini sia nella formazione delle identità, sia nella legittimazione della forza, e in quali modi essi si rappresentano.
E la potenza dei confini si è rivelata in modo violento proprio nell'area friulana, per secoli parte dell'impero austro-ungarico, tornata poi italiana alla conclusione del primo conflitto mondiale. E l'esito di un'altra guerra, e gli eventi ad essa seguenti, sarà poi la causa di altre divisioni, quelle che consegneranno all'Italia e alla Jugoslavia territori prima uniti da storie e tradizioni comuni.
Di queste divisioni ne soffrirà anche la Chiesa, costretta ad alterare la mappa delle sue diocesi a causa delle scelte della politica internazionale, contro la quale non mancò di prendere posizioni.
Sebbene tutto, però, oggi, quando tutti i conflitti si sono sanati, ed i confini e frontiere sono stati saldamente definiti, questi ultimi tornano a tenere banco.
In un'Europa integrata, dinanzi alle nuove sfide della globalizzazione, è fortemente sentita l'esigenza di ritrovare identità più circoscritte territorialmente, e non un caso che le Regioni si mostrino ora sempre più pronte a tutelare le loro prerogative e specificità a livello comunitario.
Proprio sfruttando le aperture della normativa europea, è nata la proposta di un'Euroregione nel Nord Est, che unisca Veneto, Friuli-Venezia Giulia, Carinzia e Slovenia in una cooperazione profonda che vada oltre le barriere, tanto fisiche quanto mentali.
Questo fa riflettere sulla forza che ha la memoria nell'influenzare scelte e comportamenti, riportando al dialogo proprio quella parte d'Europa che è stata una sola cosa per molto tempo.
E' chiaro dunque che andare verso il margine, vivere la liminarità, stare sul confine, richiede a ciascuno di noi la disponibilità di compiere un'esperienza d'apprendimento oltre le abitudini e i preconcetti.
Vivere il confine e le sue contraddizioni vuol dire esercitarsi nella pratica della tolleranza, della convivenza, dello stare fianco a fianco nonostante le rispettive particolarità. Vuol dire anche cercare di avere uno sguardo più aperto sulle cose, in grado di comprendere aspetti diversi di una stessa realtà come parti di una sola complessità.
Un’ultima riflessione sarà poi riservata ai rapporti tra confini civili e confini religiosi, che vivono entrambi gli effetti della globalizzazione e, a livello continentale, dell'integrazione europea, ma li interpretano in modo diverso.
I primi ne subiranno le conseguenze, i secondi ne potrebbero trarre beneficio.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione In forme e modi differenti, confini e frontiere hanno entrambi a che vedere con la modificazione del nostro paesaggio reale, plasmando il territorio che occupiamo ed abitiamo. Allo stesso tempo, però, essi influiscono in maniera profonda con i luoghi e gli spazi che segnano e danno forma ai nostri orizzonti mentali, alle nostre identità, più o meno autentiche 1 . I confini muoiono e risorgono, si spostano, si cancellano e riappaiono inaspettati. Segnano l'esperienza, il linguaggio, lo spazio dell'abitare, il corpo con la sua salute e le sue malattie, la psiche con le sue scissioni, e i suoi riassestamenti, la politica con la sua spesso assurda cartografia, l'io con la pluralità dei suoi frammenti e le loro faticose ricomposizioni, la società con le sue 1 P.Zanini, Significati del confine. I limiti naturali, storici e mentali., Bruno Mondadori, Milano 1997, cit.p.XIV 2

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

circoscrizioni ecclesiatiche
confini
euroregione
normativa ue
regioni

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi