Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Lo studio della cultura organizzativa

Questo lavoro di tesi ha per oggetto lo studio della cultura. L’affermarsi della dimensione culturale negli studi sull’organizzazione costituisce soprattutto un fenomeno recente. E’ negli ultimi anni, infatti, che ha avuto uno sviluppo notevole: sono stati pubblicati molti libri, articoli su riviste, si sono organizzati seminari e stage.
La stragrande maggioranza degli studiosi concorda nell’affermare che gran parte di ciò che davvero conta nella vita dell’organizzazione si svolge a livello culturale. Ciò spiega perché lo studio della cultura delle organizzazioni è diventato allo stato attuale uno dei filoni più importanti della ricerca organizzativa.
Nel corso della trattazione saranno talvolta usati indifferentemente i termini “azienda” e “impresa”; a quest’ultimo verrà attribuito il significato più esteso e non solo con riferimento alle organizzazioni alle quali si attribuiranno finalità di profitto. E’ impresa, cioè, ogni sistema cooperativo che, per sopravvivere e raggiungere i suoi scopi, economici o non economici, deve attivare relazioni di scambio affrontando problemi di adattamento esterno e di integrazione interna.
La tesi si propone (nello spazio ristretto ad essa riservato) di dare una visione più o meno organica dell’analisi culturale dell’organizzazione, atta a soddisfare interessi diversi, conoscitivi e fondamentali, quali ad esempio:
- un interesse pratico che mira a comprendere il fenomeno culturale nelle organizzazioni ed il contesto disciplinare e teorico nell’ambito del quale si è formato e sviluppato;
- un interesse emancipatorio che mira a stimolare una attenta e approfondita riflessione sul ruolo che la prospettiva culturale può assumere nell’ambito della disciplina organizzativa e le diverse funzioni che la cultura organizzativa svolge nell’ambito del sistema organizzazione;
- un interesse teorico teso a comprendere la natura poliedrica e complessa del fenomeno culturale.
Questo lavoro mira ad evidenziare, altresì:
a) gli aspetti negativi e positivi della cultura organizzativa;
b) che essa non regna sovrana sulla realtà alquanto complessa del mondo organizzativo, perché accanto ad essa vivono, di frequente, diverse subculture e controculture;
c) l’indispensabilità della cultura, poiché una organizzazione che nell’esercizio della sua attività non abbia un punto di riferimento, non si ispiri a dei valori, a degli assunti, non abbia una sua identità, è come un individuo senza nome, senza un passato e dal futuro assai breve ed alquanto incerto;
d) i limiti alla quale essa è soggetta.

Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE Questo lavoro di tesi ha per oggetto lo studio della cultura.L’affermarsi della dimensione culturale negli studi sull’organizzazione costituisce soprattutto un fenomeno recente. E’ negli ultimi anni, infatti, che ha avuto uno sviluppo notevole: sono stati pubblicati molti libri, articoli su riviste, si sono organizzati seminari e stage. La stragrande maggioranza degli studiosi concorda nell’affermare che gran parte di ciò che davvero conta nella vita dell’organizzazione si svolge a livello culturale. Ciò spiega perché lo studio della cultura delle organizzazioni è diventato allo stato attuale uno dei filoni più importanti della ricerca organizzativa. Nel corso della trattazione saranno talvolta usati indifferentemente i termini “azienda” e “impresa”; a quest’ultimo verrà attribuito il significato più esteso e non solo con riferimento alle organizzazioni alle quali si attribuiranno finalità di profitto. E’ impresa, cioè, ogni sistema cooperativo che, per sopravvivere e raggiungere i suoi scopi, economici o non economici, deve attivare relazioni di scambio affrontando problemi di adattamento esterno e di integrazione interna. La tesi si propone (nello spazio ristretto ad essa riservato) di dare una visione più o meno organica dell’analisi culturale dell’organizzazione, atta a soddisfare interessi diversi, conoscitivi e fondamentali, quali ad esempio: - un interesse pratico che mira a comprendere il fenomeno culturale nelle organizzazioni ed il contesto disciplinare e teorico nell’ambito del quale si è formato e sviluppato; 6

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Angelica La Polla Contatta »

Composta da 168 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 8674 click dal 03/11/2008.

 

Consultata integralmente 21 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.