Skip to content

Modalità di supporto di flussi IP mediante tecniche WDM ottiche

Informazioni tesi

  Autore: Alberto Teodoro
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 1997-98
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Ingegneria
  Corso: Ingegneria delle Telecomunicazioni
  Relatore: Marco Listanti
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 150

La crescita della domanda di servizi dati e multimediali e, in particolare, lo sviluppo preponderante di servizi che viaggiano sulla rete Internet sono tali da richiedere uno sviluppo adeguato delle reti di telecomunicazione.
Da studi effettuati negli Stati Uniti nel 1998 si è stimato che il traffico dati, costituito principalmente da quello di Internet, continua a crescere a ritmi vertiginosi raddoppiando ogni 6 mesi. Le predizioni a riguardo indicano una crescita esponenziale del volume di traffico dati che nel 2000 supererà di ben 5 volte il normale traffico telefonico!
Le reti attuali, progettate e realizzate per la telefonia, risulteranno (in alcuni casi già risultano) inadeguate per gestire la forte crescita di traffico dovuta principalmente ad Internet rispetto a quello telefonico.
Allo stesso tempo occorre pensare a reti che possano coniugare in maniera semplice ed efficiente i servizi offerti da una rete IP con i servizi di altra natura come quelli di tipo telefonico.
Insomma una rete molto più adatta ad Internet di quella odierna, che sacrifichi il meno possibile di quest’ultima poiché tanto si era puntato sulle tecnologie e infrastrutture ora in esercizio.
La rete che si viene così a prospettare dovrà avere caratteristiche di grande flessibilità, forte robustezza ed elevate prestazioni tanto nell’infrastruttura di trasporto che in quella di accesso.
La tecnica WDM, usata fino adesso come metodo per non posare nuove fibre, si dimostra potenzialmente molto efficiente per fornire soluzioni di networking avanzate, flessibile al continuo sviluppo delle reti stesse, contenendo i costi di produzione e di manutenzione degli apparati.
Negli ultimi tempi l’esigenza di fornire infrastrutture più efficienti per il trasporto di pacchetti IP ha portato a proporre soluzioni ad hoc denominate genericamente come ''IP su WDM''.
La tesi si propone dapprima di analizzare i due scenari di rete più diffusi e rilevanti per il trasporto di IP, cioè IP su ATM e IP su SONET/SDH. Queste due soluzioni saranno oggetto di analisi rispettivamente nei capitoli 1 e 2, e apriranno la strada alle problematiche che occorrerà risolvere per ottenere soluzioni più adeguate e ingegneristicamente valide. Nel capitolo 3 verranno descritte soluzioni per la canalizzazione dei flussi IP su determinati cammini; soluzioni in cui la funzionalità d’inoltro è portata dallo strato di rete agli strati sottostanti sfruttando così la tecnologia di commutazione gestita a livello hardware.
In questa sezione verranno anche curati aspetti importanti che dovrebbero essere tenuti in considerazione nel trasporto di IP con ATM, SONET/SDH e WDM, quali:
QoS
Gestione del traffico
Semplificazione delle tecniche di instradamento e inoltro IP
Prenotazione delle risorse con orientamento alla connessione.
Il capitolo 4 sarà sostanzialmente un panoramica sulle prospettive di networking offerte da una rete basata sullo strato ottico WDM.
Infine il capitolo 5 si occuperà delle soluzioni in via di sviluppo e standardizzazione del trasporto dei pacchetti IP con la tecnologia WDM.
Verranno qui sviluppate alcune tematiche quali:
Snellimento dello strato di collegamento
Migrazione di funzionalità nel nuovo strato ottico WDM
Architetture di rete possibili
Integrazione di funzionalità multiservizio nei routers di nuova generazione.
In particolare si valuteranno e confronteranno le nuove strategie per il trasporto di IP su WDM, quali:
SDL (Simple Data Link) proposto principalmente dalla americana Lucent: è un nuovo tipo di trama più elastica e flessibile, di facile implementazione per l’incapsulamento del pacchetto IP;
Il sistema DTM (Dynamic Synchronous Tranfer Mode) proposto dalla svedese Net Insight: sostanzialmente, tramite una tecnica di multiplazione a divisione di tempo e di spazio, permette di gestire più dinamicamente i flussi di dati IP;
Il metodo DPT (Dynamic Packet Transport) proposto dalla Cisco Systems: utilizza SONET/SDH, come puro framing, e un protocollo di tipo MAC, chiamato SRP (Spatial Reuse Protocol) il quale permette la gestione dei datagrammi IP pacchetto per pacchetto di tipo asincrono anziché TDM.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
4 Introduzione La crescita della domanda di servizi dati e multimediali e, in particolare, lo sviluppo preponderante di servizi che viaggiano sulla rete Internet sono tali da richiedere uno sviluppo adeguato delle reti di telecomunicazione. Da studi effettuati negli Stati Uniti nel 1998 si è stimato che il traffico dati, costituito principalmente da quello di Internet, continua a crescere a ritmi vertiginosi raddoppiando ogni 6 mesi. Le predizioni a riguardo indicano una crescita esponenziale del volume di traffico dati che nel 2000 supererà di ben 5 volte il normale traffico telefonico! 0 50 100 150 200 250 300 350 1990 1995 2000 2005 Anni C a r i c o R e l a t i v o Dati Voce Il traffico dati sarà 5 volte il traffico telefonico Fonte: Lightwave April 1998 Il traffico dati sarà 23 volte il traffico telefonico

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

ip
mpls
sdh
sdl
wdm

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi