Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Onere della riproposizione ex art 346 c.p.c.

Per meglio comprendere la portata dell’art. 346, è bene contestualizzare tale disposto nell’ambito del complicato incastro delle norme processualistiche e tentare di interpretare quanto più possibile lo spirito normativo del legislatore del ’42.
Tutto ciò si inquadra in una visione per così dire “moderna” del giudizio d’appello, la quale intende soppiantare la precedente impostazione che vedeva rimesso al giudice ad quem l’intero materiale di causa del primo grado, svilendo così l’autorevolezza del provvedimento finale e conclusivo del processo, quale è la sentenza.
Il giudizio d’appello intende rimediare ad eventuali errori ed ingiustizie del provvedimento decisorio, in una prospettiva per così dire “panoramica” dell’intero processo; ma per evitare, appunto, di sminuire l’importanza del dictum del giudice a quo, ecco che entra in gioco l’iniziativa delle parti in causa, che si concilia perfettamente con il meccanismo dell’impugnazione: quest’ultima servirà a creare il presupposto perché la sentenza venga sottoposta ad una nuova analisi e quindi non passi in giudicato, mentre l’atteggiamento processuale delle parti avrà il ruolo di circoscrivere il thema decidendum, precludendo, quindi, al giudice d’appello l’indagine sui punti della sentenza di primo grado non direttamente investiti dal gravame.

Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE La ragione di questo scritto è individuata dal desiderio di tentare di compiere uno studio su uno dei meccanismi processuali più complessi ma al tempo stesso più affascinanti delle impugnazioni civili. Per meglio comprendere la portata dell’art. 346, è bene contestualizzare tale disposto nell’ambito del complicato incastro delle norme processualistiche e tentare di interpretare quanto più possibile lo spirito normativo del legislatore del ’42. Tutto ciò si inquadra in una visione per così dire “moderna” del giudizio d’appello, la quale intende 5

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Valentina La Piana Contatta »

Composta da 176 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1674 click dal 04/11/2008.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.