Skip to content

Gli aspetti istituzionali della riforma dell'OSCE

Informazioni tesi

  Autore: Francesca Cargnino
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2005-06
  Università: Università degli Studi di Torino
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Diritto delle Pubbliche Amministrazioni e delle Organizzazioni internaziona
  Relatore: Edoardo Greppi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 34

La tesi descrive la storia dell'OSCE a partire dall'Atto Finale di Helsinki del 1975, la sua nascita come serie di conferenze intergovernative, passando poi per una breve storia della sua trasformazione in soggetto di diritto internazionale. Vengono descritti gli organi, gli obiettivi e le attività dell'OSCE e soprattutto la riforma indetta nel 2004 per la riorganizzazione e modernizzazione complessiva dell'organizzazione

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE Generalmente si tende a definire l’OSCE come un’organizzazione internazionale sui generis per le particolari modalità con cui è avvenuta la sua formazione,per la sua estensione geografica paragonabile solo a quella della NATO,e soprattutto per il suo concetto ampio di “sicurezza globale”,che comprende i fattori militari e politici così come quelli economici,ambientali,culturali e soprattutto si fonda sulla centralità della persona. Ciò è sicuramente vero se si guarda alla particolarità di questo soggetto rispetto ad altre organizzazioni internazionali di tipo tradizionale,prima tra tutte l’Organizzazione delle Nazioni Unite,ma occorre ricordare che né le CSCE né l’OSCE vera e propria hanno mai fondato nulla di nuovo sul piano teorico,ma si sono richiamate sempre alla tradizione filosofica e giuridica dell’Europa occidentale. Non tutti sanno infatti che il collegamento tra la “pace” interna (e quindi la sicurezza) e la soddisfazione dei bisogni fondamentali fu formulato per la prima volta da Bertholt von Regensburg nel XIII secolo,che pochi anni dopo Pierre Dubois espose la prima idea di una corte arbitrale internazionale composta di tanti tribunali arbitrali ad hoc,e che l’Assemblea Parlamentare di cui si tratterà il funzionamento ha un precedente nell’Unione Interparlamentare fondata nel 1888,sulla scia dei primi movimenti che si opponevano al militarismo proprio di quell’epoca e da cui pochi anni prima era nata la Croce Rossa Internazionale (1864) . Più che di singoli casi,si tratta però di una vera e propria mentalità che non considera la politica,la scienza o l’educazione come settori a sé stanti,ma riconosce la loro reciproca influenza e riconosce la loro origine nel rapporto tra la persona ed il reale:un modello che nasce in tempi ormai molto lontani e che si è dimostrato vincente rispetto all’idea di “scienze esatte” e del tutto sconnesse tra loro diffusa da un certo positivismo. La specificità dell’OSCE non sta dunque nell’aver coniato dei concetti,ma nell’aver messo in pratica con successo quelli già esistenti,e soprattutto nell’affidamento alla propria libertà compiuto dai partecipanti alle prime CSCE,che nei momenti in cui il dialogo sembrava essere divenuto impossibile hanno scelto di far continuare il processo quando avrebbero potuto interromperlo,e la comunità internazionale avrebbe compreso la loro decisione,poiché in quella fase non c’era altro che una serie di conferenze con intervalli che duravano anni e in cui poteva accadere di tutto,come avvenne poi con la fine dei blocchi. La riforma dell’OSCE è prima di tutto questo:la riscoperta delle ragioni che avevano portato ad istituirla nell’interesse della comunità internazionale e degli abitanti del proprio Stato,e soprattutto del legame innegabile tra libertà e appartenenza. 3

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
redazione[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

csce
diritto internazionale
helsinki
istituzioni
organizzazione internazionale
osce
panel
panieri
riforma
sicurezza

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi