Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Viaggio attraverso la Castiglia e León, Salamanca e Valladolid. Proposta di un itinerario eno-gastronomico.

Questo lavoro di ricerca è nato in seguito a due viaggi, effettuati circa sette anni fa, in Spagna, più precisamente nella regione Castiglia e León, un territorio ricco di fascino, che ha lasciato nella mia memoria un ricordo incancellabile, nonostante il tempo a disposizione fosse poco. Le località che ho visitato sono state Salamanca, Valladolid, Tudela de Duero e Peñafiel.
In questi luoghi ho ammirato bellezze monumentali ed artistiche, conosciuto alcuni importanti aspetti storiografici e linguistici ed allo stesso tempo assaporato alcune specialità culinarie, scoprendo così una caratteristica particolare del panorama culturale castigliano: la gastronomia.
Per questo motivo, coerentemente con gli obiettivi formativi dell’indirizzo di studi prescelto (turistico-manageriale), ho voluto ripercorrere questa mia esperienza in un percorso eno-gastronomico nelle province di Salamanca e Valladolid, che sia un invito turistico a viaggiare allo scopo di conoscere questi luoghi condividendo prodotti e piatti tipici con gli abitanti dei luoghi.
Per ogni località sono presentati e descritti uno o più prodotti e piatti tipici, senza dimenticare i migliori vini, seguiti da immagini ed informazioni relative ai ristoranti in cui degustarli, oppure ai punti vendita in cui acquistarli.
Nel caso dei vini, vengono indicate alcune aziende vitivinicole produttrici, per offrire al turista la possibilità di visitarle.

Mostra/Nascondi contenuto.
PREMESSA Questo lavoro di ricerca è nato in seguito a due viaggi, effettuati circa sette anni fa, in Spagna, più precisamente nella regione Castiglia e León. Durante quel periodo ho avuto l’opportunità di conoscere questa regione, culla della lingua castigliana, terra del Cid Campeador e delle sue gesta, in cui l’orizzonte sembra farsi più ampio ed antichi paesi, con i loro campanili, le grandi cattedrali gotiche e i possenti castelli che si stendono sulla pianura, paiono quasi sfidare quella linea di confine tra cielo e terra. Attraversando le campagne e visitando le città più antiche ed importanti, si ha quasi la sensazione di rivivere i secoli più importanti della storia di quella terra in cui si è modellato il carattere fondamentale dell’anima castigliana: il medioevo. La Castiglia e León è senza dubbio un territorio ricco di fascino, che ha lasciato nella mia memoria un ricordo incancellabile, nonostante il tempo a disposizione fosse poco. Le località che ho visitato sono state Salamanca, Valladolid, Tudela de Duero e Peñafiel. In questi luoghi ho ammirato bellezze monumentali ed artistiche, conosciuto alcuni importanti aspetti storiografici e linguistici ed allo stesso tempo assaporato alcune specialità culinarie, scoprendo così una caratteristica particolare del panorama culturale castigliano: la gastronomia. Per questo motivo, coerentemente con gli obiettivi formativi dell’indirizzo di studi prescelto (turistico-manageriale), ho voluto ripercorrere questa mia esperienza in un percorso eno-gastronomico nelle province di Salamanca e Valladolid, che sia un invito turistico a viaggiare allo scopo di conoscere questi luoghi condividendo prodotti e piatti tipici con gli abitanti dei luoghi. Per ogni località sono presentati e descritti uno o più prodotti e piatti tipici, senza dimenticare i migliori vini, seguiti da immagini ed informazioni relative ai ristoranti in cui degustarli, oppure ai punti vendita in cui acquistarli. Nel caso dei vini, vengono indicate alcune aziende vitivinicole produttrici, per offrire al turista la possibilità di visitarle. I

Laurea liv.I

Facoltà: Lingue e Letterature Straniere

Autore: Palmira Marchetti Contatta »

Composta da 168 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1492 click dal 13/11/2008.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.