Skip to content

Istituzione penitenziaria e organizzazione: il ruolo delle risorse umane nelle interazioni con i detenuti

Informazioni tesi

  Autore: Tiziana Pentassuglia
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2003-04
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Sociologia
  Corso: Sociologia
  Relatore: Fabrizio Battistelli
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 275

Le carceri ci riguardano non perché realtà dissociata dal nostro vivere comune bensì in quanto microcosmo riproducente il sistema sociale più vasto in un concentrato di contraddizioni. Eppure, di carcere non si parla mai, se non quando questo non/luogo di permanenza coatta entra per un attimo nelle nostre menti tramite le rappresentazioni che ne propongono i mass-media, continuando a favorire i meccanismi di inclusione/esclusione insiti nell’intero sistema societario. Il carcere, costituisce tutt’oggi, nella maggior parte dei sistemi penitenziari contemporanei, la struttura centrale all’interno del sistema delle pene; significa essenzialmente istituzione totale. In quanto tale “si impadronisce di parte del tempo e degli interessi di coloro che da essa dipendono, offrendo in cambio un particolare tipo di mondo: il che significa che tende a circuire i suoi componenti in una sorta di azione inglobante. Questo carattere inglobante o totale è simbolizzato nell’impedimento allo scambio sociale e all’uscita verso il mondo esterno” (Goffman, 2001: 33). L’organizzazione di tutto ciò è costituita da una rete complessa nella quale interagiscono diverse figure professionali (secondo l’area d’appartenenza: segreteria, trattamento, sanitaria, sicurezza e ordine, amministrativo-contabile) e la popolazione detenuta. L’ordine dell’interazione è caratterizzato da un sistema piramidale che procede dall’alto verso il basso. Come nella società più vasta, la necessità di ordine tipica di un’istituzione totale, tende ad essere, come fa notare Bauman (2003) un disperato tentativo di imporre uniformità, regolarità e prevedibilità al mondo degli esseri umani. La norma, è il riflesso di un dato modello di ordine sui comportamenti umani, essa circoscrive la gamma dei modelli comportamentali tollerati. Il «dover essere» che implicano (ordine e norma), fraziona l’«essere». Questa azione inglobante circuisce tutti gli attori inseriti in un sì fatto sistema organizzativo favorendo una serie di adattamenti istituzionali che, riducendo al minimo gli spazi discrezionali, finisce con il coinvolgere anche coloro che dovrebbero essere predisposti al mutamento (culturale e organizzativo): gli operatori penitenziari. Questo lavoro intende proporre, da un punto di vista generale, lo studio dell’istituzione penitenziaria e dell’organizzazione di questa, quale modello storicamente affermatosi e, da un punto di vista particolare, lo studio della realtà istituzionale di un carcere (Regina Coeli) abbracciando l’ottica interazionista sviluppata da Goffman. Su quest’ultimo punto si rende sin da ora necessario chiarire che l’uso di concetti interpretativi utilizzati dal noto sociologo è stato allargato allo studio di coloro che operano all’interno dell’istituzione, partendo dalla convinzione che un’istituzione totale sia terreno fertile per l’osservazione non solo degli attori coattivamente presenti ma anche per chi al suo interno svolge un ruolo professionale.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
5 Introduzione Le carceri ci riguardano non perché realtà dissociata dal nostro vivere comune bensì in quanto microcosmo riproducente il sistema sociale più vasto in un concentrato di contraddizioni. Eppure, di carcere non si parla mai, se non quando questo non/luogo di permanenza coatta entra per un attimo nelle nostre menti tramite le rappresentazioni che ne propongono i mass-media, continuando a favorire i meccanismi di inclusione/esclusione insiti nell’intero sistema societario. La prigione si è costituita entro quell’inestricabile reticolo di potere-sapere, descritto da Michel Foucault, rispetto al quale non possiamo ignorare che “non esiste relazione di potere senza correlativa costituzione di un campo di sapere, né di sapere che non supponga e non costituisca allo stesso tempo relazioni di potere” (Foucault, 1993: 31). Per tutti, l’attuale sistema penitenziario può rappresentare un traguardo di civiltà se contrapposto alle immagini del “supplizio” presenti nel noto testo di Foucault Sorvegliare e punire. Nascita della prigione; ma ciò non è sufficiente a rendere meno visibile il passaggio, evidenziato dall’autore, che, servendosi di un “potere disciplinare”, vale a dire quell’insieme di pratiche e di conoscenze orientate sugli individui allo scopo di renderli conformi a determinati codici di comportamento, ha condotto dalla presa del corpo (quale oggetto pubblico da esibire) all’oggettivazione delle menti. Si è assistito, nel succedersi storico delle varie culture, ad un continuo mutare delle concrete modalità secondo le quali la pena viene esercitata, oltre che dell’indicazione di quali sono le condotte meritevoli di sanzioni penali; ciononostante, la pena ha continuato ad essere intesa come un “irrinunciabile strumento di controllo sociale, non essendo possibile, senza il ricorso ad essa, organizzare, gestire, far funzionare qualsiasi tipo di società” (Ponti, 1999:548) e, di riflesso, la prigione ha continuato a rappresentare “la detestabile soluzione, di cui non si saprebbe fare a meno” (Foucault, 1993: 252). Ma cos’è un istituto penitenziario? Il carcere, costituisce tutt’oggi, nella maggior parte dei sistemi penitenziari contemporanei, la struttura centrale all’interno del sistema delle pene; significa essenzialmente istituzione totale. In quanto tale “si impadronisce di parte del tempo e degli interessi di coloro che da essa dipendono, offrendo in cambio un particolare tipo di mondo: il che significa che tende a circuire i suoi componenti in una sorta di azione inglobante. Questo carattere inglobante o totale è simbolizzato nell’impedimento allo scambio sociale e all’uscita verso il mondo esterno” (Goffman, 2001: 33). L’organizzazione di tutto ciò è costituita da una rete complessa nella quale interagiscono diverse figure professionali (secondo l’area d’appartenenza: segreteria, trattamento, sanitaria, sicurezza e ordine, amministrativo-contabile) e la popolazione detenuta. L’ordine dell’interazione è caratterizzato da un sistema piramidale che procede dall’alto verso il basso. Come nella società più vasta, la necessità di ordine tipica di un’istituzione totale, tende ad essere, come fa notare Bauman (2003) un disperato tentativo di imporre uniformità, regolarità e prevedibilità al mondo degli esseri umani. La norma, è il riflesso di un dato modello di ordine sui comportamenti umani, essa circoscrive la gamma dei modelli comportamentali tollerati. Il «dover essere» che implicano (ordine e norma), fraziona l’«essere». Questa azione inglobante circuisce tutti gli attori inseriti in un sì fatto sistema organizzativo favorendo una serie di adattamenti istituzionali che, riducendo al minimo gli spazi discrezionali, finisce con il coinvolgere anche coloro che dovrebbero essere predisposti al mutamento (culturale e organizzativo): gli operatori penitenziari. Questo lavoro intende proporre, da un punto di vista generale, lo studio dell’istituzione penitenziaria e dell’organizzazione di questa, quale modello storicamente affermatosi e, da un punto di vista

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

asylums
burn-out
carcere
detenuti
devianza
disciplina
dissonanza cognitiva
foucault
gerarchia
goffman
istituzionalizzazione
istituzione totale
metafore
ordinamento penitenziario
organizzazione
pena
polizia penitenziaria
premi e punizioni
prigionizzazione
privazione
regina coeli
rete informale
self
supplizio

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi