Skip to content

Ruolo della citologia nella diagnosi di stenosi delle vie biliari

Informazioni tesi

  Autore: Rita Segantini
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2001-02
  Università: Università degli Studi di Firenze
  Facoltà: Medicina e Chirurgia
  Corso: Medicina e Chirurgia
  Relatore: Vito Distante
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 114

La stenosi delle vie biliari è rappresentata da una serie di patologie che hanno in comune l’ostruzione dell’albero biliare extraepatico e quindi dell’efflusso di bile. La stenosi delle vie biliari è un termine che racchiude all’interno una serie di disordini, benigni o maligni, di natura funzionale o organica che nell’insieme hanno un’incidenza relativamente rara (2:100.000 soggetti per anno).
L’incuneamento di un calcolo all’interno della via biliare extraepatica rappresenta la causa più frequente di stenosi biliare benigna seguito dalle forme stenosanti post-chirurgiche 5. Le ostruzioni biliari maligne rappresentano circa il 90% delle stenosi repertate in corso di colangiografia percutanea 1,2,3. Esse possono interessare direttamente l’albero biliare o le strutture ad esso contigue come la testa del pancreas o più raramente la mucosa duodenale. La causa più comune è il carcinoma pancreatico seguito dal colangiocarcinoma, il carcinoma della colecisti, il carcinoma ampollare, il linfoma, l’epatocarcinoma e infine dalle metastasi 4. Il colangiocarcinoma, cioè il tumore primitivo più frequente dell’albero biliare, ha una incidenza maggiore nella quinta e nella settima decade dove, tra l’altro, è più frequente nel sesso maschile che in quello femminile (5:2).
La diagnosi della natura di una stenosi delle vie biliari tende a dimostrare in prima istanza la sede della lesione, ma principalmente la natura di essa, distinguendo tra forme benigne e forme maligne. Infine, tra le forme maligne, la diagnosi ha lo scopo di definire l’estensione della neoplasia.
La diagnosi di sede risulta di solito più semplice rispetto a quella di natura e molte metodiche non invasive come l’ecografia, la tomografia e la risonanza ci vengono incontro a questo scopo.
Al contrario, la diagnosi della natura di una stenosi spesso è estremamente complicata, se non impossibile. Essa gioca un ruolo fondamentale nelle successive scelte terapeutiche e la sua corretta identificazione pre-operatoria influirà positivamente sulla prognosi e/o sulla qualità di vita del paziente.
E’ per questo motivo che nel corso degli anni si sono andate evolvendo nuove metodiche strumentali o endoscopiche per risolvere questa problematica. Ancora oggi non esiste una metodica che integri perfettamente l’efficienza con la non invasività, pertanto la scelta nell’utilizzo di una piuttosto che di un’altra si basa sostanzialmente sulle caratteristiche del paziente 6.
A prescindere dalla invasività, la metodica più affidabile alla quale poter ricorrere per fare una diagnosi corretta della natura delle stenosi del tratto biliare è sicuramente la colangiografia retrograda endoscopica. Questo esame assume rilievo in quanto permette non solo di visualizzare l’intero albero biliare, ma anche di operare indagini aggiuntive di tipo citologico o istologico, che possono aumentare la sensibilità e la specificità di questa metodica.
La citologia biliare ed il brushing endoluminare sono tecniche con alta specificità, ma sensibilità estremamente variabile a seconda delle casistiche. Questa alta variabilità dipende, in primo luogo, dalla quantità di cellule che è possibile prelevare: talvolta, infatti, la neoplasia causante stenosi può solo comprimere la via biliare e non infiltrarla, come accade nel caso dell’adenocarcinoma pancreatico; in secondo luogo dipende dal tipo di neoplasia causante la stenosi: molti tumori dei dotti biliari sono infatti di tipo scirroso ed hanno una probabilità minore di esfoliare nel lume.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
4 INTRODUZIONE La stenosi delle vie biliari è rappresentata da una serie di patologie che hanno in comune l’ostruzione dell’albero biliare extraepatico e quindi dell’efflusso di bile 1,2,3 . La stenosi delle vie biliari è un termine che racchiude all’interno una serie di disordini, benigni o maligni, di natura funzionale o organica che nell’insieme hanno un’incidenza relativamente rara (2:100.000 soggetti per anno) e che colpiscono più frequentemente il sesso femminile 5 . L’incuneamento di un calcolo all’interno della via biliare extraepatica rappresenta la causa più frequente di stenosi biliare benigna seguito dalle forme stenosanti post-chirurgiche 5 . Le ostruzioni biliari maligne rappresentano circa il 90% delle stenosi repertate in corso di colangiografia percutanea 1,2,3 . Esse possono interessare direttamente l’albero biliare o le strutture ad esso contigue come la testa del pancreas o più raramente la mucosa duodenale. La causa più comune è il carcinoma pancreatico seguito dal colangiocarcinoma, il

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

arteria
arteria epatica
brushing
calcolosi
carcinoma
cisti
citologia
colecistectomia
colecisti
coledoco
dotto epatico
fegato
istologia
oddi
stenosi
vena
vena epatica
videolaparocolecistectomia
vie biliari

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi