Skip to content

Il sistema di radiodiffusione digitale DAB: le ragioni che ne hanno ostacolato la diffusione fino a oggi

Informazioni tesi

  Autore: Romeo Perrotta
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 1998-99
  Università: Università degli Studi di Siena
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Scienze della Comunicazione
  Relatore: Peppino Ortoleva
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 103

Il DAB (Digital Audio Broadcasting) è un sistema di radiodiffusione digitale messo a punto nell'ambito del programma comunitario Eureka 147 già nel 1985. Le caratteristiche di questo sistema, che è stato concepito per la ricezione mobile e, in particolare, per il mercato delle autoradio sono, oltre alla qualità del suono, la possibilità di diffondere dati, testi e immagini da visualizzare su un apposito schermo integrato all'apparecchio. Il Dab consente un ottimizzazione delle risorse dal momento che una singola frequenza può essere potenzialmente impiegata da sei emittenti invece che da una soltanto. Questo significa che questa tecnologia, oltre a ridurre l’inquinamento elettromagnetico, consentirebbe l’accesso alla radiodiffusione (e non solo) di nuovi soggetti, contribuendo ad accrescere la pluralità del sistema dei media. A distanza di oltre vent’anni il Dab non ha trovato ancora la propria definitiva legittimazione e la tesi cerca di spiegarne il perché. L’analisi si sofferma sugli ostacoli che hanno rallentato l’affermazione di questo standard - i problemi legati alla copertura del Dab, l’elevato costo del simulcasting (dal momento che occorrerebbe prevedere un periodo di transizione nel quale la programmazione venga garantita contemporaneamente in analogico e digitale) e degli apparecchi ricevitori, la mancanza di un’adeguata regolamentazione (che possa agevolare l’ingresso di nuovi soggetti nel panorama dei broadcasters), l’assenza di programmi e servizi specifici, – ma soprattutto sull’incapacità dei diversi soggetti coinvolti, sia pubblici che privati, di stabilire una strategia collaborativa. Il fatto che questa invenzione non si sia trasformata ancora in un’innovazione assume un interesse ancora più marcato se si pensa che il Dab è uno standard voluto dai paesi europei per contrapporsi ad altri standard provenienti dal Nord America.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
6 Presentazione Il motivo per cui ho scelto il Digital Audio Broadcasting come argomento della mia tesi Ł legato ad una curiosit personale. Ho sentito parlare per la prima volta di questa tecnologia, un sistema di radiodiffusione digitale, messo a punto in Europa 1 e destinato al mercato della ricezione mobile, che offre agli ascoltatori una qualit paragonabile a quella di un Cd, ad una lezione del corso di sociologia dell elettronica tenuto dalla professoressa Muriel Pivette 2 . Dopo una breve ricerca, mi sono reso conto che ero di fronte ad una tecnologia che gli operatori del settore conoscevano da tempo, almeno dieci anni, ma che, dopo aver suscitato un grande entusiasmo in una prima fase, non sembrava piø destare molto interesse. Tutto ci per una serie di molteplici ragioni che si cercher di esaminare nel corso di questo lavoro. Nonostante la forte rivalutazione odierna, la radio Ł, di fatto, messa in secondo piano dalle industrie che operano nel settore della comunicazione e telecomunicazione. Investire in tecnologie riguardanti la televisione, il computer ed Internet, piuttosto che la radiofonia, Ł molto piø allettante e redditizio. La stessa letteratura settoriale ha seguito con estrema attenzione l impressionante e inarrestabile boom che i nuovi media hanno conosciuto negli anni novanta, senza dar peso al fatto che la radio fosse ancora l , una presenza inossidabile nel panorama dei mezzi di comunicazione: il medium 1 Lo standard europeo del sistema di radiodiffusione digitale si chiama DAB/Eureka 147.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

dab
digital audio braodcasting
dmb
mass-media
new media
radio
radiodiffusione digitale
radiofonia
telecomunicazioni

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi