Skip to content

Assetti organizzativi e prospettive evolutive della vigilanza sui sistemi finanziari

Informazioni tesi

  Autore: Filippo Ciotti
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2007-08
  Università: Università degli Studi dell'Insubria
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia e Commercio
  Relatore: Andrea Uselli
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 166

Il presente lavoro si sofferma dapprima sulla regolamentazione degli intermediari finanziari e sui recenti interventi legislativi in materia, che hanno portato negli anni ad un notevole cambiamento nell’organizzazione e nelle competenze di supervisione (o di vigilanza). Inoltre, l’attenzione è stata posta sulle caratteristiche operative del sistema finanziario europeo, ponendo l’accento su quelle che sono le funzioni specifiche e il ruolo assunto dalla Banca Centrale Europea, in base a quanto stabilito dal Trattato di Maastricht. Nel secondo capitolo invece, ci si focalizza sui progressi fatti dall’Unione Europea verso la realizzazione concreta di quello che è definito l’obiettivo principale del cd. Libro Bianco del 1985, ovvero la creazione di un mercato unico finanziario europeo “integrato”. E proprio in questa direzione si è mosso il legislatore comunitario, approvando misure come il Financial Services Action Plan, con lo scopo di indicare obiettivi generali e misure specifiche per la creazione di un mercato unico in Europa, e, adottando successivamente, il cd. approccio Lamfalussy, al fine di individuare una procedura “relativamente rapida” per approvare regole comuni in materia finanziaria.
Istituire un mercato unico europeo significa avere regole comuni, ovvero “armonizzate” e questo vale anche per la vigilanza per i vari Stati membri dell’UE. In Europa, nonostante l’abbattimento delle frontiere e una presenza sempre più massiccia dei conglomerati finanziari che operano transnazionalmente, siamo di fronte a un assetto della supervisione piuttosto frammentato e comunque costruito su base nazionale, dove, da un lato, ritroviamo, in Stati come Regno Unito, Germania ecc… modelli caratterizzati da un’unica authority (o mega-regulator) competente della supervisione per l’intero sistema finanziario, e dall’altro (Italia, Francia, Spagna), troviamo modelli “ibridi” o comunque multi-divisionali, caratterizzati dalla presenza di una serie di autorità, di norma ognuna competente per uno specifico settore. Nel terzo capitolo si esamina nel dettaglio il contesto nazionale, analizzando la sua struttura e le competenze a carico delle varie autorità creditizie, approfondendo i vari interventi normativi, partendo dalla Legge Bancaria del 1936 fino ad arrivare al varo del Testo Unico Bancario, che hanno portato il nostro paese a disporre dell’attuale assetto di vigilanza multi-divisionale, caratterizzato quindi, dalla presenza di più autorità “settoriali”.
L’ultimo capitolo è dedicato ad una breve analisi comparativa tra vari Stati che presentano un grado di completezza e di “avanzamento” dei sistemi e dei mercati finanziari, comparabile, o comunque di interesse per il nostro sistema.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 INTRODUZIONE Negli ultimi anni il mercato finanziario è stato oggetto di profonde trasformazioni; sotto la spinta dell’innovazione e della liberalizzazione finanziaria e tecnologica sono mutate le scelte sulla conduzione della politica monetaria e sono cadute le restrizioni all’allocazione del credito, come pure i vincoli storicamente legati alla salvaguardia della stabilità finanziaria e alla tutela degli investitori. Si è così assistito al progressivo sviluppo del mercato dei capitali alla diffusione del modello di banca universale ed all’entrata nel mercato di nuovi tipi di intermediari finanziari, nonché all’affermazione e diffusione di prodotti e di servizi. Di pari passo con la trasformazione del mercato e delle filosofie sottostanti si sono evolute anche le tecniche di regolamentazione, di normazione e di vigilanza del sistema finanziario europeo. In particolar modo la domanda di regolamentazione, che trae le sue origini dalla volontà del potere politico di indirizzare i processi di erogazione dei servizi pubblici e dei sussidi all’economia, ha come intento di orientare i settori in cui il comportamento libero di certi attori di mercato possa determinate una diminuzione del benessere della collettività1. Si può quindi distinguere due tipologie di intervento pubblico: la regolamentazione economica e la regolamentazione sociale. La prima tipologia mira a dosare il livello di competitività di quei soggetti (es: le imprese) il cui funzionamento è in grado di modificare i processi di distribuzione del reddito e di allocazione delle risorse. A tal fine la regolamentazione economica ricorre tipicamente a strumenti di carattere impositivo (come la definizione esogena2 dei prezzi, la nazionalizzazione dell’industria ecc…) e repressivo (es: controlli all’entrata, legislazioni antitrust). 1 Sul punto cfr. Kane E., “Impact of regulation on economic behavior”, in “Journal of Finance”, n° 2, 1981. 2 In economia si riferisce ad un cambiamento stimolato da fattori esterni al sistema considerato e non controllati nel modello utilizzato, ne sono un esempio il cambiamento dei gusti del pubblico che comporta una variazione nell'equilibrio dei prezzi al consumo.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

accordi di basilea
australian prudential regulation authority
autorità di vigilanza
banca centrale europea
banca d'italia
banca dei regolamenti internazionali
banche
consob
direttive
federal riserve system
financial services authority
home country control
lamfalussy
mifid
mutui subprime
mutuo riconoscimento
piano azione servizi finanziari
regolamentazione
sistema bancario europeo
sistema europeo banche centrali
sistemi finanziari
supervisione
testo unico bancario
vigilanza

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi