Skip to content

La Repubblica di Nokhchiin: un falso problema geoeconomico

Informazioni tesi

  Autore: Stefano Veronese
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2007-08
  Università: Università degli Studi di Trieste
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze Internazionali e Diplomatiche
  Relatore: Maurizio Scaini
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 165

L’obbiettivo iniziale era quello di esaminare la Cecenia da un punto di vista strettamente geo-economico. Nel corso della ricerca il target si è ampliato in quanto sarebbe stato limitante non prendere in considerazione determinati fattori che esulavano dall’ambito economico.
Un esempio chiarificatore dei continui stravolgimenti del caso ceceno si riferisce alla denominazione della Repubblica stessa. Il titolo della tesi riprende infatti il nome della Repubblica cosi come venne ridefinita nel 2003 dalla Costituzione promossa da Kadyrov. Nome che assumeva una particolare importanza per il fatto che si discostava da quello scelto dai rappresentanti ceceni negli anni ’90, e portato ancora avanti dal governo in esilio, ovvero Repubblica di Ichkeria.
Il problema che viene presentato all'interno della ricerca è relativo al ruolo che la Cecenia ricopre all’interno della Federazione russa e nello scenario internazionale, partendo dal presupposto che il conflitto ceceno è sempre stato descritto come una mera questione d’importanza strategica. Questa ricerca vorrebbe dimostrare il contrario. Si tratta infatti di una questione assai controversa e attorno alla quale sono fiorite numerose polemiche: per illustrarne adeguatamente i termini, lo studio si articola in sei parti.
I primi due capitoli lanciano uno sguardo alle radici del problema e si soffermano perciò sulla situazione della società cecena e sulla sua storia, legata a doppio filo con quella russo-sovietica. Una realtà, quella cecena, che mal si adattava nei secoli passati a sottostare all’ingombrante vicino, resistendo strenuamente ai numerosi tentativi di conquista.
La capitolazione di Grozny, e le successive vicissitudini sovietiche, hanno radicalizzato in questa tenace popolazione il desiderio di riprendersi un’autonomia rispetto a Mosca. Per la Russia però l’area caucasica aveva da sempre ricoperto una importante funzione sia strategico-militare sia di bacino di risorse energetiche ed è necessario tener conto di ciò per comprendere il motivo di tanta determinazione da parte dei governi russi negli ultimi venti anni.
Dopo aver fornito questo primo sguardo d’insieme, nel terzo capitolo viene infatti analizzata la questione da un punto di vista prettamente economico, con l’obbiettivo di studiare l’effettiva importanza della regione dal punto di vista energetico, senza comunque dimenticare il difficile progetto di ricostruzione in atto. Un progetto che non potrebbe sussistere senza i numerosi aiuti provenienti sia dalla Federazione sia da una serie alquanto impensabile di attori internazionali. Una parte del capitolo è dedicata anche alle peculiarità del sistema economico russo attuale, con un’analisi approfondita del soggetto-Gazprom.
L’importanza economica della regione passa in secondo piano nel momento in cui si prende in considerazione anche il fattore Islam, che ha assunto una notevole rilevanza in ambito globale, e che ha uno dei suoi teatri meno pubblicizzati proprio nell’area caucasica.
Il quarto capitolo si propone di analizzare l’Islam nelle sue sfaccettature caucasiche, con i suoi legami con il mondo mediorentale fondamentalista, ma sopratutto con i suoi fatti di cronaca legati ai numerosi e drammatici atti terroristici occorsi nell’area.
La Cecenia, proprio a causa di questi suoi legami con il mondo islamico, ha perso il sostegno iniziale da parte di quei simpatizzanti che intravedevano in questa vicenda una chiara prevaricazione russa rispetto al diritto internazionale. A tale proposito, si da conto di alcuni casi emblematici, come ad esempio dei presunti legami tra i ribelli ceceni e al-Qaeda, passando per uno dei maggiori problemi che sono sorti nel corso degli ultimi in Cecenia, ovvero la questione dei rapimenti a scopo di lucro.
A tale vicenda verrà dedicato uno specifico paragrafo all’interno del quinto capitolo, nel quale verranno inoltre descritte le numerose violazioni dei diritti umani, violazioni sia da parte russa che da parte cecena. Questo capitolo analizza nello specifico anche le relazioni internazionali che sono intercorse tra i differenti soggetti con interessi nell’area. A partire dalle reazioni occidentali rispetto all’operato russo, passando poi per le iniziative intraprese dalle Organizzazioni Internazionali e dalle ONG nel tentativo di limitare o almeno blandire le condotte criminose volte a creare un regime del terrore.
L’ultimo capitolo, il sesto, è invece dedicato allo studio di una delle armi che ha acquisito maggior forza nel corso degli ultimi anni: i media. I mezzi di informazione hanno infatti raggiunto un peso tale da divenire, in determinate situazioni, dei veri e propri aghi della bilancia per la risoluzione positiva o meno del conflitto. In tale contesto si tiene conto quindi dell’utilizzo dei media da parte degli attori in gioco, senza dimenticare il mezzo di comunicazione per eccellenza del terzo millennio, internet.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
7 Introduzione La scelta di scrivere una tesi riguardante la piccola Repubblica della Cecenia nacque dopo aver letto una raccolta di articoli della giornalista russa Politovskaya. La sua voglia di descrivere una situazione drammatica, andando contro uno Stato forte come quello di Mosca, e subendo in prima persona le conseguenze della sua documentata critica, mi hanno spinto a cercare di analizzare più approfonditamente questa problematica presente ai confini dell’Europa. L’obbiettivo iniziale era quello di esaminare la Cecenia da un punto di vista strettamente geo-economico. Nel corso della ricerca il target si è ampliato in quanto sarebbe stato limitante non prendere in considerazione determinati fattori che esulavano dall’ambito economico. Un esempio chiarificatore dei continui stravolgimenti del caso ceceno si riferisce alla denominazione della Repubblica stessa. Il titolo della tesi riprende infatti il nome della Repubblica cosi come venne ridefinita nel 2003 dalla Costituzione promossa da Kadyrov. Nome che assumeva una particolare importanza per il fatto che si discostava da quello scelto dai rappresentanti ceceni negli anni ’90, e portato ancora avanti dal governo in esilio, ovvero Repubblica di Ichkeria. Il problema che verrà presentato nelle pagine seguenti è relativo quindi al ruolo che la Cecenia ricopre all’interno della Federazione russa e nello scenario internazionale, partendo dal presupposto che il conflitto ceceno è sempre stato descritto come una mera questione d’importanza strategica. Questa ricerca vorrebbe dimostrare il contrario. Si tratta infatti di una questione assai controversa e attorno alla quale sono fiorite numerose polemiche: per illustrarne adeguatamente i termini, lo studio si articola in sei parti. I primi due capitoli lanciano uno sguardo alle radici del problema e si soffermano perciò sulla situazione della società cecena e sulla sua storia, legata a doppio filo con quella russo-sovietica. Una realtà, quella cecena, che mal si adattava nei secoli passati a sottostare all’ingombrante vicino, resistendo strenuamente ai numerosi tentativi di conquista.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

campi di detenzione
cecenia
diritti umani
emirato del caucaso
forze repressive
fsb
gazprom
islam
maskhadov
petrolio
politkvoskaya
putin
russia

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi