Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il ruolo del Parlamento nazionale nel procedimento legislativo europeo: fase ascendente e fase discendente

L’essere membro dell’Unione Europea richiede di predisporre strumenti adeguati alla partecipazione al processo decisionale e alla trasposizione, all’interno di ogni ordinamento, della normativa comunitaria. Ogni singolo adattamento e predisposizione di meccanismi ad hoc da parte degli Stati membri è conforme alla tradizione giuridica degli Stati stessi e comporta il coinvolgimento delle varie autorità nazionali, attrici del processo.
In questo capitolo cerco di esaminare la fase di partecipazione del Parlamento nazionale al procedimento di formazione del diritto comunitario, considerando sia la fase ascendente, durante la quale si prepara, si concerta e si negozia la normativa comunitaria, sia quella discendente, che vede l’adattamento e la ricezione della normativa stessa nell’ordinamento nazionale. I vari processi in corso, infatti, sembrano avere due comuni denominatori: rafforzamento del ruolo del Parlamento e maggiore garanzia di trasparenza nei confronti dei cittadini.
La partecipazione dei paesi a tale procedimento di legiferazione europea, avviene attraverso tre fasi semplifica-
bili in tal modo:
- fase ascendente: consiste nella formazione della posizione
nazionale attraverso un’accurata attività di negoziazione e concertazione. Poiché la funzione di negoziazione consiste in una serie di operazioni volte al raggiungimento e alla salvaguardia degli interessi nazionali, richiede una approfondita conoscenza delle esigenze del paese e una conseguente concertazione a livello comunitario. Per raggiungere una posizione comune, inoltre, ogni singolo Stato membro deve conoscere le esigenze di
tutti gli altri protagonisti sulla scena comunitaria per capire quali possono essere i termini degli accordi in sede di Consiglio dei ministri dell’Unione;

- controllo parlamentare: questo passaggio è particolarmente importante perché consente la partecipazione al processo decisionale del Parlamento europeo.
Ad esso spetta il compito di controllare l’operato del Governo.

- fase discendente: corrisponde alla trasposizione della normativa comunitaria negli ordinamenti giuridici interni degli Stati membri. Tale funzione è particolarmente rilevante perché ha lo scopo di armonizzare la normativa in conformità con gli obiettivi propri dell’Unione. Essa tende, da un lato, a garantire la coerenza interna degli ordinamenti nazionali – evitando che si creino antinomie dovute all’ingresso di un diritto nuovo – talvolta configgente con le disposizioni già esistenti; dall’altro, tende ad assicurare la conformità del diritto interno al diritto comunitario
perché non si determini una situazione di inadempimento nella quale si incorre quando uno Stato membro non recepisce quanto deciso a livello comunitario in modo tempestivo.

Mostra/Nascondi contenuto.
10 Introduzione Nata dalla volontà di garantire una pace durevole, la costruzione europea si è concretizzata dopo la Seconda Guerra Mondiale. Il 9 maggio 1950, Robert Schuman, ministro degli esteri francese, propose, ispirandosi ad una idea di Jean Monnet, l'integrazione delle industrie del carbone e dell'acciaio dell'Europa occidentale. Da questa proposta scaturì, nel 1951, la Comunità europea del carbone e dell'acciaio (CECA), con sei membri fondatori: Belgio, Germania occidentale, Lussemburgo, Francia, Italia e Paesi Bassi. Fu la CECA la prima base di quella che sarebbe diventata poi l'Unione europea, che nel corso degli anni si è evoluta sia a livello territoriale sia a livello istituzionale. Oggi è una realtà politica chiara e presente nella vita del cittadino europeo, ma ancora in evoluzione, non solo nei confini, ma soprattutto nelle politiche che attua e nelle decisioni che vengono prese. << Le tendenze di sviluppo raggruppabili sotto l’etichetta della ‘globalizzazione’ modificano una costellazione storica che si caratterizzava per la coincidenza, coestensiva di Stato, società ed

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Ilaria Ranaldi Contatta »

Composta da 238 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4030 click dal 07/11/2008.

 

Consultata integralmente 14 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.