Skip to content

La Decima M.A.S. in Friuli. Il processo a Remigio Rebez

Informazioni tesi

  Autore: Flavio Rovere
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2007-08
  Università: Università degli Studi di Udine
  Facoltà: Lettere
  Corso: Scienze storiche
  Relatore: Umberto Sereni
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 155

Il lavoro svolto per la stesura di questa tesi di laurea vuole mettere in luce, attraverso l’esame dei fascicoli giudiziari, editi ed inediti, relativi al processo svolto contro la banda Ruggiero di Palmanova, quante e quali furono le responsabilità di uno dei suoi componenti più attivi, il sergente della Decima M.A.S. Remigio Rebez.
Dopo l’8 settembre 1943, la Germania occupò il suolo italiano, estendendo il suo dominio su tutte le regioni dell’Italia Centrale e Settentrionale. In un contesto che non fu riscontrato in nessun altro paese occupato, di completa e assoluta disgregazione delle autorità politiche e militari, i tedeschi dovettero ricostituire ex novo un governo al Nord, pesantemente controllato dai loro rappresentanti quali Rahn e Wolff, che desse un’impressione di autonomia e operatività.
La creazione nelle province nord orientali di due zone d’operazioni, l’Alpenvorland e l’Adriatisches Küstenland de facto inglobate al Reich, la razzia dei beni economici, lo sfruttamento industriale e di manodopera, la penisola italiana adibita a teatro di guerra e di conquista, l’internamento dei militari italiani come forza lavoro, la divisione della nazione fra Nord e Sud, costituirono una delle tragedie più grandi che l’Italia avesse mai sostenuto nella sua storia.
A modello del Reich fu inoltre importato anche il complesso sistema di polizia che, posto sotto la tutela delle SS, aveva operato contro gli oppositori politici nel resto dell’Europa occupata. Mentre al Sud, distolti da altri teatri di guerra, gli Alleati arrancavano sull’Appennino, al Nord, nello scatenarsi della guerra civile partigiana contro fascisti repubblicani e nazisti, trovarono una posizione d’eccezione le unità della G.N.R., della Decima M.A.S. ed i famigerati reparti “Servizi Speciali”, veri e propri Einsatzgruppen composti da italiani assoldati dai tedeschi, adibiti alla bonifica del territorio retrostante il fronte dal cosiddetto “banditismo”.
Famigerati sono ancora oggi i nomi di Mario Carità, Gino Bardi e Guglielmo Pollastrini, Pietro Koch, Franco Colombo. Molti erano stati squadristi della prima ora, desiderosi di rivalsa su chi, dopo gli albori del fascismo, li aveva relegati ai margini del movimento per la loro violenza, altri erano dei fascisti fanatici senza scrupoli a cui non dispiaceva di combattere la loro guerra, con i loro metodi, contro i “comunisti”, altri ancora erano dei criminali in cerca di danaro facile. Eppure, per sentir parlare di sevizie e torture non serve uscire dai confini della nostra regione.
Conversando con diverse persone presenti al tempo del conflitto, ed indicando loro i nomi di Vettorini, Leschiutta, Collotti, Bertozzi, Spollero, Borsatti, Ruggiero, Rebez, vi parlerebbero di arresti, torture, sevizie, fucilazioni. Tutti loro furono responsabili di questi reparti di Servizi Speciali, all’interno della Decima M.A.S., della G.N.R., delle Brigate Nere, per la lotta contro i partigiani. Tutti, tranne Remigio Rebez. Egli, addetto all’ufficio inquisitorio del capitano Ruggiero in Palmanova, non era il comandante, ma l’esecutore materiale, assieme ai suoi complici, delle torture inferte ai partigiani ed ai civili catturati. Dai carteggi consultati presso l’Archivio di Stato di Udine, inerenti al processo compiuto contro la banda criminale, è emersa la figura del sergente della Decima M.A.S. quale seviziatore ed assassino di decine di partigiani. Egli era il “boia di Palmanova”.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
3 Prefazione l lavoro svolto per la stesura di questa tesi di laurea vuole mettere in luce, attraverso l’esame dei fascicoli giudiziari, editi ed inediti, relativi al processo svolto contro la banda Ruggiero di Palmanova, quante e quali furono le responsabilità di uno dei suoi componenti più attivi, il sergente della Decima M.A.S. Remigio Rebez. Dopo l’8 settembre 1943, la Germania occupò il suolo italiano, estendendo il suo dominio su tutte le regioni dell’Italia Centrale e Settentrionale. In un contesto che non fu riscontrato in nessun altro paese occupato, di completa e assoluta disgregazione delle autorità politiche e militari, i tedeschi dovettero ricostituire ex novo un governo al Nord, pesantemente controllato dai loro rappresentanti quali Rahn e Wolff, che desse un’impressione di autonomia e operatività. La creazione nelle province nord orientali di due zone d’operazioni, l’Alpenvorland e l’Adriatisches Küstenland de facto inglobate al Reich, la razzia dei beni economici, lo sfruttamento industriale e di manodopera, la penisola italiana adibita a teatro di guerra e di conquista, l’internamento dei militari italiani come forza lavoro, la divisione della nazione fra Nord e Sud, costituirono una delle tragedie più grandi che l’Italia avesse mai sostenuto nella sua storia. A modello del Reich fu inoltre importato anche il complesso sistema di polizia che, posto sotto la tutela delle SS, aveva operato contro gli oppositori politici nel resto dell’Europa occupata. Mentre al Sud, distolti da altri teatri di guerra, gli Alleati arrancavano sull’Appennino, al Nord, nello scatenarsi della guerra civile partigiana contro fascisti repubblicani e nazisti, trovarono una posizione d’eccezione le unità della G.N.R., della Decima M.A.S. ed i famigerati reparti “Servizi Speciali”, veri e propri Einsatzgruppen composti da italiani assoldati dai tedeschi, adibiti alla bonifica del territorio retrostante il fronte dal cosiddetto “banditismo”. Famigerati sono ancora oggi i nomi di Mario Carità, Gino Bardi e Guglielmo Pollastrini, Pietro Koch, Franco Colombo. Molti erano stati squadristi della prima ora, desiderosi di rivalsa su chi, dopo gli albori del fascismo, li aveva relegati ai margini del movimento per la loro violenza, altri erano dei fascisti fanatici senza scrupoli a cui non dispiaceva di combattere la loro guerra, con i loro metodi, contro i “comunisti”, altri ancora erano dei criminali in cerca di danaro facile. Eppure, per sentir parlare di sevizie e torture non serve uscire dai confini della nostra regione. Conversando con diverse persone presenti al tempo del conflitto, ed indicando loro i nomi di Vettorini, Leschiutta, Collotti, Bertozzi, Spollero, Borsatti, Ruggiero, Rebez, vi parlerebbero di arresti, torture, sevizie, fucilazioni. Tutti loro furono responsabili di questi I

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

adriatisches kustenland
collaborazionismo
decima mas
fascismo
guardia nazionale repubblicana
guerra civile
nazismo
palmanova
remigio rebez
resistenza
rsi
seconda guerra mondiale

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi