Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'identificazione del capitale sociale: verso una tassonomia

Analisi degli indicatori di capitale sociale e tentativo di pervenire ad una batteria di variabili specifiche attraverso lo studio di 12 lavori di ricerca sul fenomeno.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 INTRODUZIONE Il capitale sociale è un concetto analizzato all’interno degli ambienti accademici da poco più di un decennio. Nonostante, infatti, la prima definizione risalga al 1916 ad opera di Lydia Hanifan 1 , bisognerà aspettare la fine degli anni ’80 per dare avvio ad una corrente di studio ed analisi specifica sul concetto. Con il termine capitale sociale si vuole intendere l’insieme delle reti di relazioni tra individui che vivono all’interno di una determinata società e che, attraverso lo scambio di norme condivise e di fiducia, mettono in comunione conoscenze ed informazioni accrescendo, così, il capitale sociale stesso. Il maggior studioso empirico del capitale sociale a cui si deve tutto il lavoro di analisi successivo è stato Robert Putnam. Egli nei suoi numerosi lavori sull’argomento (Putnam, 1993, 1996, 2000) definisce il capitale sociale come “ […] l’insieme di quegli elementi dell’organizzazione sociale - come la fiducia, le norme condivise, le reti sociali – che possono migliorare l’efficienza della società nel suo insieme, nella misura in cui facilitano l’azione coordinata degli individui” (Putnam, 1993 p 169). Dal lavoro di Putnam nasce una florida analisi sul capitale sociale in sé e sui tentativi di misurazione. Il fatto di essere un concetto “sociale” presuppone la presenza di nozioni difficilmente misurabili perché basate su rapporti umani, su stati d’animo e su comportamenti fiduciari. Pertanto, poiché la visione di un individuo differisce dalla visione di un altro individuo perché aventi vissuti diversi seppure facenti parte della stessa società, la misurazione del concetto risulta essere artificiosa. Se da un lato, infatti, la differenza di norme, di conoscenze e di informazioni di un soggetto rispetto a un altro è proprio la forza del capitale 1 Per la definizione completa si rimanda al capitolo successivo

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Nadia Giuliano Contatta »

Composta da 107 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1792 click dal 07/11/2008.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.