Skip to content

L'Amministrazione Coloniale Italiana in Addis Abeba 1936 - 1941

Informazioni tesi

  Autore: Daniele Tugnoli
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2007-08
  Università: Università degli Studi di Bologna
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze Politiche
  Relatore: Anna Maria Gentili
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 113

L’AMMINISTRAZIONE COLONIALE ITALIANA IN ADDIS ABEBA 1936 – 1941.

L'eredità:

La mancata discussione pubblica sulle responsabilità passate e sulle ambizioni imperiali, lascia l’Italia meno preparata degli altri paesi europei (che da tempo hanno condotto seri ripensamenti verso le loro responsabilità coloniali) a fronteggiare i nuovi ritorni di memoria dovuti principalmente ai crescenti flussi di migranti (provenienti anche dalle ex colonie), che dalla fine degli anni ottanta approdano in Europa come profughi e vittime di falliti processi di democratizzazione e industrializzazione. L’Italia è meno predisposta a fronteggiare questo problema in quanto i silenzi e le rimozioni hanno comportato una mancata decolonizzazione della memoria e del nostro rapportarci con l’alterità africana, che è purtroppo ancora permeato da atteggiamenti e cliches che ricordano quelli propagandati dal regime nel ventennio e che provocano una divisione ed una frattura nella società odierna.

Solamente imparando dai propri errori ed il primo passo per fare ciò è ammetterli, l’Italia potrà sperare di condividere un orizzonte comune con queste genti che inevitabilmente faranno parte della società di domani. Il vecchio detto "moglie e buoi dei paesi tuoi", perde col tempo sempre più mordente... la società europea del futuro sarà inequivocabilmente composita, multiculturale e cosmopolita.

Riassunto Sintetico:

Obiettivo di questa tesi è tentare di riflettere sulla nostra memoria coloniale, e cercare di evidenziare i tratti salienti della dominazione fascista in Africa Orientale, facendo particolare riferimento alla capitale etiopica, durante i cinque anni dell’Impero.
Il primo capitolo, riguardante la cronologia storica, descrive gli avvenimenti intercorsi dall’arrivo delle forze di Badoglio ad Addis Abeba, dopo la fuga di Haile Selassie, fino al ritorno del Negus cinque anni dopo.
Il secondo capitolo, intende mettere in luce la struttura amministrativa posta in atto dagli italiani al fine di governare la colonia.
Il terzo capitolo analizza la colonia e la società che viveva in essa: le aspettative, le opere pubbliche ed i piani per la capitale imperiale; si illustrano inoltre i progetti finalizzati allo sfruttamento del territorio, la colonizzazione rurale, e la vita dei coloni in Africa Orientale.
Il quarto capitolo è dedicato alle politiche razziali esperite dal regime fascista nelle proprie colonie. Esso argomenta circa le cause che spinsero le autorità fasciste ad implementare le leggi razziali e circa i motivi che indussero altresì un certo numero di italiani ad infrangerle. Viene illustrato e analizzato anche il fenomeno del “madamato”.
Il quinto capitolo, dopo un breve cenno sull’espansione amhara nel tardo XIX secolo, si occupa di mettere a fuoco i rapporti impostati dalle autorità coloniali italiane con le principali componenti autoctone, oromo, amhara e musulmani.
Il sesto capitolo apre una discussione sulle memorie collettive, sia italiane che etiopiche, e riflette sulla natura delle autoassoluzioni e sulle cause degli oblii riguardanti la nostra eredità coloniale.
Il settimo capitolo tratta dell’impiego militare degli aggressivi chimici, portato a termine durante la campagna di conquista e nel corso delle successive operazioni di polizia coloniale.
La tesi termina con considerazioni generali e riflessioni personali.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione. Le motivazioni che mi hanno portato a sviluppare la tesi di laurea sul colonialismo italiano in Africa Orientale ed in particolare sulla amministrazione fascista in Addis Abeba, sono molteplici. Lasciando da parte il fatto che sono il padre di una bambina etiope; ho inteso approfondire il tema, e ricercare bibliografia sull’argomento, attratto principalmente dai silenzi afferenti le nostre responsabilità coloniali, in particolar modo quelle portate a compimento dal regime fascista, il quale pretendeva dominare, dipingendo come “primitiva” e “barbara”, una civiltà africana talmente antica da risalire a tempi biblici. Su tale questione, solo sporadicamente presa in esame dai media, ancora oggi si sentono tesi tra loro contrastanti e manca in aggiunta un serio dibattito tra le differenti componenti del tessuto sociale (Stato, classe politica, storici, mass media ed opinione pubblica), finalizzato ad approfondire la conoscenza storica della collettività e soprattutto dei giovani, circa il tema del colonialismo di impronta italica, il quale ha intrapreso negli anni trenta una politica aggressiva e razzista, ed ha soggiogato un’altro stato sovrano, che stava venendo traghettato da una mente illuminata (Haile Selassie), dal medioevo alla modernità. Questo fatto ha innescato inoltre meccanismi deleteri, i quali da una parte hanno delegittimato gli organismi allora preposti alla risoluzione pacifica delle contese internazionali, i quali si basavano sul principio dell’uguaglianza tra i popoli; e dall’altra parte hanno sancito l’impunità alle iniziative espansionistiche di dittatori senza scrupoli, portando il mondo fino al baratro del secondo conflitto mondiale. A mio avviso, una riflessione sulla nostra memoria coloniale, può fornire spunti per interpretare da una nuova prospettiva importanti problemi d’attualità; quali l’intolleranza verso l’immigrazione extracomunitaria, tematica che ha ereditato peculiarità xenofobe germogliate durante il periodo coloniale; oppure situazioni come la crisi irakena, dove un regime continua a mandare uomini a combattere una guerra che era stata dichiarata conclusa e vinta, proprio come successe all’Italia nel 1936. 2

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

addis abeba
africa orientale
amedeo di savoia
amhara
amministrazione coloniale
badoglio
colonialismo
etiopia
fascismo
graziani
guerra chimica
immigrazione
imperialismo
leggi razziali
madamato
mussolini
musulmani
negus
razzismo
scioa
segregazione razziale
gas asfissianti
oromo
hailè selassiè

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi