Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le principali novità per i professionisti in tema di antiriciclaggio alla luce del d.lgs. 231/07

Riciclare denaro sporco significa prendere denaro derivante da un crimine ed in qualche modo farlo riemergere dalla clandestinità: in pratica reinvestire capitali illeciti in attività lecite. Per contrastare in modo più efficace questo pericoloso fenomeno è stato elaborato il d.lgs 231/07 con cui si reperisce nel nostro ordinamento la III Direttiva Antiriciclaggio. il legislatore nazionale ha introdotto nel nostro ordinamento numerose novità, con un forte impatto sui professionisti del settore giuridico-contabile e sugli intermediari, sia sotto il profilo degli adempimenti, su cui concentreremo la nostra analisi, sia sotto quello sanzionatorio.

Mostra/Nascondi contenuto.
Capitolo I INTRODUZIONE. IL RICICLAGGIO 1. Il riciclaggio del denaro sporco e i recenti interventi del legislatore per contrastarlo Riciclare denaro sporco significa prendere denaro derivante da un crimine ed in qualche modo farlo riemergere dalla clandestinità: in pratica reinvestire capitali illeciti in attività lecite. Al denaro sporco viene fatta fare una serie di passaggi, magari passando attraverso qualche paradiso fiscale, per ritornare bello pulito su qualche conto corrente, pronto per essere usato. Se vogliamo schematizzare la dinamica economica di questo fenomeno, si può distinguere: • in una prima fase, di lavaggio (money laundering), nella quale si pongono in essere operazioni, generalmente a breve termine, volte a camuffare l'origine illecita dei beni: • una fase successiva, di impiego (recycling), realizzata generalmente con operazioni a medio – lungo termine, il cui scopo è di inserire i capitali lavati nel ciclo economico legale. Il fenomeno del riciclaggio del denaro sporco è da tempo fortemente osteggiato dal nostro ordinamento giuridico, non solo a causa della deprecabilità delle condotte criminose a monte, ma anche e soprattutto per le forti distorsioni generate nel sistema economico, alterando i normali meccanismi di accumulo della ricchezza e di approvvigionamento delle fonti di finanziamento. Si stima che il denaro riciclato oggi in Italia sia pari a 3,3 miliardi di euro, circa il 2,5% del PIL1, mentre globalmente si stima tra il 2 ed il 5% del PIL mondiale, e questo fiume di denaro contribuisce a rafforzare le più disparate organizzazioni 1 Stime che, come tali, sono caratterizzate da una forte variabilità: è infatti valutato da parte di alcuni addirittura tra l'8 ed il 12% del PIL italiano. 2

Laurea liv.I

Facoltà: Economia

Autore: Jacopo Rosati Contatta »

Composta da 70 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2110 click dal 13/11/2008.

 

Consultata integralmente 15 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.