Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le criticità degli studi di settore dal punto di vista statistico

Il lavoro si propone di analizzare il percorso statistico che porta allas definizione del ricavo di riferimento per quella particolare procedura di accertamento induttivo basato sugli studi di settore. La tesi e' quella di pervenire ad una giusta collocazione giuridica dello strumento in esame, partendo dalla analisi delle metodologie statistiche sottese alla sua costruzione e dalla rilevazione di quelle criticità che ne inficiano la possibilità di estendere i risultati all'intera popolazione di riferimento.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 INTRODUZIONE La necessità di gestire una vastissima platea di imprese e lavoratori autonomi con il fine di recuperare, almeno in parte, il gettito perso a causa di fenomeni evasivi ha indotto il legislatore a prevedere la possibilità di procedere ad accertamenti induttivi che, anziché fondarsi esclusivamente sulle scritture contabili, sono imperniati sulle caratteristiche visive dell’impresa e sulla relazione tra queste caratteristiche e una credibile entità dei ricavi da dichiarare. Gli studi di settore rappresentano l’ultima tappa nell’ambito degli strumenti presuntivi utilizzati dall’Amministrazione Finanziaria per determinare un ammontare di ricavi attendibili da attribuire al contribuente. L’obiettivo del lavoro con cui mi accingo a concludere la mia carriera universitaria è ripercorrere l’elaborazione statistica degli studi di settore nelle sue fasi più significative, introducendo alcuni spunti di riflessione in merito alle scelte metodologiche operate dagli organi deputati alla loro costruzione. Gli studi di settore rappresentano uno strumento innovativo, introdotto dal legislatore nell’ordinamento tributario interno, che per la sua complessità e particolarità, non ha visto la luce in un unico momento, ma è il frutto di una serie di provvedimenti che si sono succeduti nel tempo, a cui si aggiungono le innumerevoli circolari, emanate dall’Amministrazione Finanziaria, per fornire chiarimenti e delucidazioni in merito all’applicazione concreta nella realtà quotidiana.

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Pasquale Polcari Contatta »

Composta da 119 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1997 click dal 03/12/2008.

 

Consultata integralmente 12 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.