Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La trasparenza bancaria nel collocamento degli strumenti finanziari derivati

Nel corso degli ultimi anni il mercato finanziario internazionale ha subito profonde trasformazioni caratterizzate dall’aumento esponenziale delle transazioni e dall’affermazione di nuove tecniche di negoziazione e nuovi strumenti finanziari disponibili. Per soddisfare le specifiche esigenze degli operatori nell’ambito della gestione del rischio sono stati elaborati prodotti innovativi e complessi i quali hanno contribuito ad elevare il livello di efficienza, liquidità e lo spessore dei mercati. Tali strumenti sono riconducibili alla famiglia dei derivati.
I derivati si sono rapidamente diffusi sul mercato, coinvolgendo anche imprese non finanziarie, Enti locali, e in misura ridotta le famiglie. Tali attori partecipano al mercato attraverso l’intermediazione creditizia e finanziaria di banche che si propongono quali offerenti di strumenti finanziari derivati, sia per conto proprio che per conto di terzi.
La natura dei derivati è complessa e specialistica e può indurre operatori con un’insufficiente dotazione di strumenti culturali e tecnologici ad assumere rischi eccessivi o non adeguatamente monitorati, accrescendo così le situazioni di asimmetria informativa e di potenziale contenzioso tra chi li programma, chi li distribuisce e la contropartita finale. L’attività di collocamento e negoziazione non dovrebbe perciò essere concessa ad intermediari che non dispongono di capacità professionali e di un’organizzazione di dimensioni coerenti con le effettive esigenze di protezione della clientela. Al fine di prevenire potenziali effetti negativi connessi allo sviluppo dei mercati dei derivati, è quindi necessario che la vendita dei contratti si rivolga a soggetti debitamente qualificati e si realizzi attraverso un elevato livello di trasparenza informativa, elemento fondamentale per garantire la piena rispondenza dei prodotti collocati alle esigenze e ai profili di rischio delle controparti.
La richiesta di maggiore chiarezza nelle relazioni tra banca e cliente relative al collocamento dei prodotti derivati, trova risposta nella nuova direttiva sui Mercati degli Strumenti Finanziari, la cosiddetta MiFID, approvata dal Parlamento Europeo il 21 aprile 2004. L’obbiettivo di tale normativa è proprio quello di rafforzare l’integrità e la trasparenza dei mercati finanziari, in modo tale da limitare gli effetti indesiderati delle asimmetrie informative presenti tra intermediari e clientela, cercando di tutelare i contraenti deboli sprovvisti di un’adeguata cultura finanziaria.
La rapida diffusione degli strumenti derivati presso gli intermediari bancari da una parte ha contribuito a migliorare la completezza e l’efficienza allocativa dei mercati; dall’altra, in seguito allo sviluppo del comparto e alle perturbazioni finanziarie, ha profondamente influenzato le scelte degli organi di Vigilanza nell’ambito del governo e del controllo della stabilità del sistema finanziario.
Al fine di evitare crisi di tipo sistemico, la Banca d’Italia, in collaborazione con la CONSOB, segue attentamente l’operatività in derivati dei soggetti vigilati, anche dettando specifiche disposizioni prudenziali e svolgendo indagini e controlli mirati. Tuttavia, per quanto concerne tali prodotti finanziari spesso le informazioni di Vigilanza e la pubblicità non hanno la dovuta compiutezza e capacità informativa.
A fronte della complessità e della variabilità degli strumenti trattati, risulta a questo punto necessaria un’informazione integrativa, cosiddetta disclosure, la quale possa costituire il presupposto per un costante monitoraggio della situazione finanziaria delle banche, e favorire le Autorità di vigilanza nell’individuare e nel fronteggiare adeguatamente eventuali situazioni di difficoltà a livello di istituzione o di mercato.
Le banche e le altre istituzioni finanziarie dovrebbero essere direttamente interessate ad una più ampia e significativa pubblicità delle informazioni sull’attività di negoziazione e in strumenti derivati, giacché essa fornirebbe a ciascuna istituzione, una visione più chiara del profilo di rischio delle controparti, consentendole di gestire meglio le proprie esposizioni e di operare scelte economiche con migliore cognizione di causa.
Gli intermediari che operano in derivati devono essere caratterizzati da un adeguato livello di trasparenza informativa non solo nei confronti della propria clientela, ma anche nei confronti degli organi di supervisione, i quali attraverso una corretta e trasparente collaborazione con i vari operatori del mercato, saranno in grado di garantire una maggiore tutela della clientela bancaria nonché la stabilità del sistema finanziario complessivo.

Mostra/Nascondi contenuto.
7 Introduzione E ormai ampiamente riconosciuto che negli ultimi anni il mercato degli strumenti finanziari derivati ha subito una notevole espansione ed ha riscosso un gran successo fra le diverse categorie di operatori: banche, imprese non finanziarie, Enti locali e in misura significativa persino le famiglie. Tali strumenti, oltre ad essere considerati elementi essenziali per un efficiente gestione del rischio, rappresentano per gli intermediari una delle principali fonti di redditivit . Tuttavia, le recenti turbolenze finanziarie hanno spesso evidenziato la presenza di problematiche relative alla gestione e alla negoziazione di questi prodotti altamente innovativi e complessi. Il Presidente dell ABI, Corrado Faissola, nel corso dell audizione alla Commissione Finanze della Camera sulle problematiche relative al collocamento di strumenti finanziari derivati1, ha infatti affermato che la funzione fondamental e assolta dagli strumenti finanziari derivati consiste nel fornire protezione dai rischi. Con i derivati, infatti, chi Ł avverso al rischio si immunizza da variazioni avverse, ad esempio, dei prezzi di un titolo azionario, o di un tasso di interesse, trasferendo tale rischio ad un altro soggetto. L utilizzo dei derivati Ł dunque un elemento fondamentale per implementare una sana e prudente gestione finanziaria . DopodichØ Faissola ha aggiunto: Gli ultimi 10 anni sono stati caratteriz zati da un alto grado di incertezza, che ha portato gli analisti e gli operatori economici ad agire in un mercato fortemente mutevole e caratterizzato da una notevole aleatoriet . Di qui una significativa crescita delle difficolt di prevedere l andamento futuro de i tassi di interesse, tanto da parte dei mercati finanziari quanto da parte dei principali centri di previsione pubblici e privati, che ha portato alla formulazione di previsioni che in molti casi si sono rivelate, ex post, del tutto errate. La sorpresa dei tassi Ł stata g enerata, in buona sostanza, da un andamento del ciclo economico diverso da quello atteso con un andamento effettivo del pil molto meno brillante del previsto in area Euro . Nonostante lo sviluppo di strumenti altamente innovativi sia positivo per l efficienza del sistema finanziario, Ł dunque ragionevole affermare l esigenza di un attenta valutazione dei rischi, associati all attivit in derivati, in particolare di quelli di controparte. In presenza di movimenti avversi delle variabili di mercato e di meccanismi contrattuali 1 ABI, Associazione Bancaria Italiana, Problematiche relative al collocamento di strumenti finanziari derivati, Audizione del presidente dell ABI, Avv. Corrado Faissola, 8 novembre 2007.

Laurea liv.I

Facoltà: Economia

Autore: Claudia Antoniello Contatta »

Composta da 86 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3339 click dal 24/11/2008.

 

Consultata integralmente 7 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.