Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Reti a generazione distribuita ''iniezione DC''

Questo elaborato si focalizza sullo studio dell’iniezione di corrente continua causato dalla connessione alla rete elettrica dei sistemi di generazione distribuita, il quale rappresenta uno dei principali requisiti di power quality richiesto dalle principali compagnie di distribuzione elettrica.
Dal momento che la potenza in uscita da impianti di produzione come ad esempio quelli fotovoltaici, è in corrente continua, mentre la rete di distribuzione è in corrente alternata, in ogni sistema di interconnessione è necessario rivolgere particolare attenzione per evitare un “miscelamento” tra queste due correnti.
Normalmente, c.a. e d.c. vengono a contatto nell’inverter e per la grande varietà nelle tipologie e nelle specifiche, il fenomeno può essere molto complesso.
Al fine di ottenere una completa panoramica del problema è stata effettuata una ricerca letteraria sulla “distributed generation” e sulla “DC injection” con la quale è stato possibile esaminare in modo approfondito tale problematica con relative cause, effetti ed i possibili rimedi per la riduzione di questo disturbo. I contributi del lavoro possono essere riassunti in quattro punti principali:
- Una panoramica sulle norme guida che fissano un limite sull’iniezione di corrente continua nella rete in alternata;
- Lo sviluppo, le caratteristiche ed un’analisi di power quality dei convertitori di potenza per interconnessione al sistema di distribuzione;
- Effetti nocivi sulle perdite e sulla saturazione del materiale ferromagnetico sul trasformatore di distribuzione ed introduzione del trasformatore di isolamento, solitamente utilizzato per creare isolamento galvanico tra generatore e rete e per eliminare le componenti continue di corrente;
- Una possibile soluzione per la riduzione della componente d.c. causata dai sensori di corrente presenti negli inverter transformerless, con la funzione di controllo della corrente in uscita. Il d.c.-offset può essere eliminato attraverso un’analisi della corrente sul dc-link del convertitore di potenza.

Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE Questo elaborato si focalizza sullo studio dell’iniezione di corrente continua causato dalla connessione alla rete elettrica dei sistemi di generazione distribuita, il quale rappresenta uno dei principali requisiti di power quality richiesto dalle principali compagnie di distribuzione elettrica. Dal momento che la potenza in uscita da impianti di produzione come ad esempio quelli fotovoltaici, è in corrente continua, mentre la rete di distribuzione è in corrente alternata, in ogni sistema di interconnessione è necessario rivolgere particolare attenzione per evitare un “miscelamento” tra queste due correnti. Normalmente, c.a. e d.c. vengono a contatto nell’inverter e per la grande varietà nelle tipologie e nelle specifiche, il fenomeno può essere molto complesso. Al fine di ottenere una completa panoramica del problema è stata effettuata una ricerca letteraria sulla “distributed generation” e sulla “DC injection” con la quale è stato possibile esaminare in modo approfondito tale problematica con relative cause, effetti ed i possibili rimedi per la riduzione di questo disturbo. I contributi del lavoro possono essere riassunti in quattro punti principali: - Una panoramica sulle norme guida che fissano un limite sull’iniezione di corrente continua nella rete in alternata; - Lo sviluppo, le caratteristiche ed un’analisi di power quality dei convertitori di potenza per interconnessione al sistema di distribuzione; 3

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Ingegneria

Autore: Guido Ciaponi Contatta »

Composta da 134 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1289 click dal 24/11/2008.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.