Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Profili evolutivi del principio di non contestazione nel processo civile

Il principio di non contestazione costituisce una regola generale che informa il sistema processuale civile. Esso comporta in capo alle parti processuali un onere di attivazione al fine di contestare i fatti posti a fondamento della domanda giudiziale. Laddove ciò non avvenga, la non contestazione assume la veste di comportamento processuale rilevante ai fini della determinazione dell’oggetto del giudizio.
Il fatto non contestato, oltre a non essere oggetto di alcun controllo probatorio, dovrà essere ritenuto dal giudice come del tutto sussistente.
Il principio in parola è stato oggetto di aperti contrasti, sia in giurisprudenza che in dottrina, concernenti la sua esistenza, la sua natura e la sua portata applicativa.
Ancora oggi non sembra essere completamente composto ogni contrasto, quantomeno in ordine al raggio d’azione che interessa il principio stesso.
Pertanto, in attesa di un prossimo intervento legislativo che positivizzi tale regola processuale, la presente trattazione si pone l’obiettivo di ricostruire le tappe fondamentali dell’evoluzione del principio di non contestazione, mettendo in luce gli scenari ancora aperti, soprattutto in ordine alla progressiva e continua estensione della portata applicativa.
Dopo un’iniziale esposizione del significato della non contestazione e dei suoi primi riconoscimenti soprattutto dottrinali, la presente esposizione si snoderà lungo le più importanti pronunce giurisprudenziali intervenute sul tema, mettendo in luce le diverse contrapposizioni all’interno delle stesse sezioni della Suprema Corte.
Successivamente, evidenziati gli aspetti più innovativi concernenti la portata del principio nel rito ordinario, oltre che nel rito lavoro, si esaminerà la portata della non contestazione nel rito tributario, ed infine il tentativo legislativo, di seguito bocciato da una pronuncia di incostituzionalità, di estensione della portata del principio in parola anche in capo alla parte contumace all’interno rito societario.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 PREMESSA Il principio di non contestazione costituisce una regola generale che informa il sistema processuale civile. Esso comporta in capo alle parti processuali un onere di attivazione al fine di contestare i fatti posti a fondamento della domanda giudiziale. Laddove ciò non avvenga, la non contestazione assume la veste di comportamento processuale rilevante ai fini della determinazione dell’oggetto del giudizio. Il fatto non contestato, oltre a non essere oggetto di alcun controllo probatorio, dovrà essere ritenuto dal giudice come del tutto sussistente. Il principio in parola è stato oggetto di aperti contrasti, sia in giurisprudenza che in dottrina, concernenti la sua esistenza, la sua natura e la sua portata applicativa. Ancora oggi non sembra essere completamente composto ogni contrasto, quantomeno in ordine al raggio d’azione che interessa il principio stesso. Pertanto, in attesa di un prossimo intervento legislativo che positivizzi tale regola processuale, la presente trattazione si pone l’obiettivo di ricostruire le tappe fondamentali dell’evoluzione del principio di non contestazione, mettendo in luce gli scenari ancora aperti, soprattutto

Tesi di Specializzazione/Perfezionamento

Autore: Anna Maria Liconti Contatta »

Composta da 86 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3732 click dal 24/11/2008.

 

Consultata integralmente 14 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.