Skip to content

Gli obblighi informativi degli intermediari finanziari alla luce della direttiva 2004/39/CE

Informazioni tesi

  Autore: Andrea Perin
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2006-07
  Università: Università degli Studi di Padova
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Scienze giuridiche
  Relatore: Matteo De Poli
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 169

Il presente lavoro si pone quale obiettivo l’analisi delle principali innovazioni in materia di obblighi informativi contenute nella direttiva 2004/39/CE e nelle relative disposizioni di attuazione. È stato opportuno procedere anche ad una breve analisi dei principali servizi di investimento che animeranno i mercati finanziari del prossimo futuro, con particolare attenzione al servizio di consulenza ed execution only su cui si è principalmente focalizzata l’attenzione degli esperti. Nel primo capitolo vengono presentate le principali innovazioni contenute nella MiFID e specificatamente a quelle concernenti la prestazione dei servizi di investimento. Ci soffermeremo inoltre sulla particolare tecnica normativa utilizzata dal legislatore europeo, la procedura Lamfalussy, che si propone di risolvere gli aspetti critici spesso sottesi alla regolamentazione comunitaria. L’analisi prosegue considerando il regime di applicabilità della MiFID, con riferimento alle categorie professionali interessate dalle nuove prescrizioni. Da ultimo vedremo la nuova classificazione della clientela (controparti qualificate, clienti professionali e clienti al dettaglio), che gioca un ruolo fondamentale nella ridistribuzione delle tutele garantite ai vari investitori.
All’interno del secondo capitolo viene presentata una descrizione dei servizi di investimento e degli strumenti finanziari, che costituiscono l’oggetto della disposizioni dettate dalla MiFID. Oltre ad analizzare brevemente le singole attività finanziarie, principali e accessorie, ci concentreremo su alcune di esse e segnatamente sulla consulenza in materia di investimenti, sulla gestione di portafogli e sulla mera esecuzione, ricezione, trasmissioni di ordini, le quali assumono un rilievo determinante all’interno della nuova disciplina. Per quanto concerne invece gli strumenti finanziari si tenterà di ricostruirne la relativa nozione alla luce della nuove disposizioni. Una particolare attenzione sarà dedicata ai valori mobiliari e soprattutto ai derivati che stanno diffondendosi sempre più anche presso gli investitori non istituzionali.
Dopo aver brevemente ricordato le principali tappe della legislazione finanziaria il terzo capitolo ci porta nel cuore della trattazione, descrivendoci la nuova disciplina comunitaria in tema di obblighi informativi. Un cospicuo numero di pagine è dedicato alla suitability rule che nell’impianto della MiFID sconta una visione dualistica; merita una menzione anche la problematica relativa alle società fiduciarie, interessate da una difficile opera di compliance alla luce della nuova regolamentazione. Accanto al giudizio di adeguatezza e appropriatezza, spicca il servizio di execution only, caratterizzato dalla limitatissima responsabilità che ingenera in capo agli intermediari; di questa specifica attività si cercherà di indicare le opportunità e le conseguenze derivanti dal suo impatto nel mondo finanziario, anche in considerazione della stringente ed analitica disciplina dettata dalla MiFID. L’ultimo paragrafo si inserisce nella vexata quaestio della patologia dei contratti finanziari; in particolare viene valorizzata la centralizzazione delle figura del cliente e dei suoi interessi nella prestazione dei servizi di investimento al fine di avvalorare le tesi contrarie alla nullità dei contratti conclusi in spregio delle norme di condotta.
Il quarto capitolo vuole offrire una prospettiva comparata della legislazione in tema di mercati finanziari onde avere un metro di paragone con cui valutare le scelte effettuate dal legislatore europeo. All’uopo è stato scelto l’ordinamento statunitense, da sempre sistema molto attento a questo settore economico e a cui si devono i principi di base che ancora oggi governano gli scambi nelle borse mondiali.
Nell’ultima sezione viene presentato il nuovo reg. CONSOB 11522/98, altrimenti noto come regolamento intermediari. Si tratta invero di una prima redazione proposta dall’autorità amministrativa alla pubblica consultazione e quindi non ancora definitiva. È inoltre presente un breve paragrafo relativo al decreto legislativo di attuazione della nuova disciplina comunitaria, proprio di recente emanato dal Consiglio dei ministri.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
PROLEGOMENI “Conoscere l’altro e se stessi – cento battaglie, senza rischi; non conoscere l’altro e conoscere se stessi – a volte vittoria, a volte sconfitta; non conoscere l’altro, né se stessi – ogni battaglia è un rischio certo”. Sun Tzu, L’arte della guerra I mercati finanziari hanno assunto un ruolo fondamentale all’interno del funzionamento delle moderne economie. Essi costituiscono la sede centrale dei processi decisionali riguardanti l’allocazione delle risorse, vero e proprio motore che permette al sistema economico di crescere e svilupparsi1. Attraverso questa istituzione l’offerta di fondi viene indirizzata verso quelle imprese che garantiscono un più alto rendimento, selezionando così le migliori opportunità di investimento. Un mercato finanziario liquido ed efficiente permette quindi di dare vigore alle aziende, garantendo anche una più vantaggiosa remunerazione per gli investitori. Queste potenzialità sono state avvertite anche dall’Unione Europea come dimostra la grande quantità di atti normativi dedicati a questo settore. La svolta si è avuta con il Consiglio Europeo di 1 Per una breve analisi in proposito si rinvia a SOLARI, Istituzioni ed organizzazione dei processi economici, Milano 2005, 160 ss.; in particolare sul problema dell’acceso al credito si veda PERIN, Perché il microcredito non può essere considerato solo piccolo credito, in Quaderni IRSE n°57, 2006, 7. 1

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

2004/39/ce
adeguatezza
appropriatezza
cesr
consob
derivati
execution only
gestione portafogli
know your customer rule
know your merchandise rule
shingle theory
strumenti finanziari
suitability rule

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi