Skip to content

Cultura e marketing esperienziale: il soggetto al centro

Informazioni tesi

  Autore: Marta Maria Cerri
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2007-08
  Università: Università Cattolica del Sacro Cuore di Brescia
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Scienze e tecnologie delle arti figurative, musica, spettacolo e moda
  Relatore: Furio Reggente
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 53

L’interesse per l’approfondimento di questo tema è nato durante il percorso di studi che mi ha permesso di approfondire alcune problematiche che spesso riguardano le aziende artistico-culturali. Credo che l’azienda culturale, senza perdere di vista i suoi principi fondamentali, possa potenziarsi e valorizzarsi grazie al contributo del marketing; in questo contesto ho in particolare identificato e approfondito la realtà del consumo/fruizione dei prodotti e il concetto di persona come sede di valori e valore in sé e di personalità nella sua natura multidimensionale come punti di unione tra il mondo del marketing e quello dell’arte.
La metodologia adottata è l’analisi e lo studio di testi e articoli, soprattutto in lingua originale, che prendono in considerazione gli aspetti teorici e pratici dell’approccio esperienziale.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
6 INTRODUZIONE Il marketing esperienziale rappresenta una prima reazione al filone di studi egemone nell’ambito del consumer behavior attaccandone principalmente l’assunto della razionalità del consumatore. I ricercatori appartenenti a questo filone rivendicano la complessità della personalità dell’individuo, composta tanto da razionalità quanto da emotività ed il suo ruolo nel guidare i comportamenti di consumo. Il paradigma esperienziale considera le emozioni una variabile pressoché negletta dagli studi utilitaristici che invece è significativa in molte esperienze di consumo, per questo la sua analisi è in grado di contribuire a spiegare numerosi comportamenti di consumo. Per dare forza empirica a queste osservazioni teoriche, i ricercatori dell’interpretazione esperienziale si sono occupati di analizzare il consumo di quei prodotti caratterizzati da una spiccata componente emotiva, quindi meno utilitaristici, per i quali emerge con maggiore evidenza la scarsa adeguatezza del paradigma tradizionale. Si tratta dei cosiddetti prodotti edonistici, in cui le emozioni giocano un ruolo importante a tal punto che questi vengono fruiti senza alcun altro scopo se non il consumo stesso: i prodotti edonistici non sono un mezzo per trarre funzionalità – come invece lo sono i prodotti utilitaristici – ma sono un fine in se stessi, ciò vale per l’arte, il teatro, il balletto e tutti i prodotti culturali. Nel tempo i toni della contrapposizione tra i due filoni si sono smorzati, sostenendo ora la necessità e la validità di un’interpretazione più complessiva del comportamento umano, che tenga in considerazione tanto la razionalità dell’individuo quanto la sfera più esperienziale ed emotiva, considerando quindi il piacere, le fantasie, i sentimenti e il divertimento nel consumo. Rispetto alle teorie tradizionali il paradigma esperienziale infatti, se da un lato enfatizza il ruolo delle emozioni durante l’intera esperienza del consumo e non soltanto durante il momento di acquisto, dall’altro lato attribuisce alle emozioni un ruolo ben più rilevante, formativo e coproduttore dell’esperienza di consumo. Da questi presupposti prende avvio questa tesi che vuole essere una panoramica su alcuni importanti studi di autori che hanno approfondito le implicazioni della visione esperienziale nel mondo artistico-culturale. Per questo ho preso in considerazione le teorie dell’economista Bernd Shmitt per i suoi studi sul marketing esperienziale, che comprendono assunti e metodologie finalizzate a creare esperienze olistiche; l’analisi di Morris B. Holbrook e Elizabeth C. Hirschman degli aspetti esperienziali del consumo edonistico e il confronto con la teoria utilitaristica in particolare per alcune aree di interesse: disposizioni mentali, classi di

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi