Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Frustrazioni e depressioni delle organizzazioni

La tesi prevede l'utilizzo della "metafora biologica" sul funzionamento delle organizzazioni.
Si è svolto un'attento studio delle unità organizzative in tutte le sue variabili e sfaccettature così come delle patologie depressive e della variabile "frustrazione".
In seguito si è dimostrato come sia possibile utilizzare la metofora biologica verificando come anche le organizzazioni si ammalano di deprerssioni e presentano variabili di frustrazione che se non curate, possono portare alla morte dell'organizzazione stessa.
Tesi sperimentale che il relatore ha presentato in maniera ottimale e che ha avuto un forte consenso dalla Commissione di Laurea.

Mostra/Nascondi contenuto.
Frustrazioni e depressioni delle organizzazioni 3 INTRODUZIONE l lavoro è un processo sociale che si svolge nell’ambito di un’organizzazione. Un lavoro che rispetti la salute umana, anche nella dimensione mentale, è una delle condizioni più importanti per il raggiungimento del benessere 1 . Il benessere mentale al lavoro è quella condizione in cui esiste un buon livello di soddisfazione nell’attività lavorativa e nella qualità della vita, senza alterazioni rilevanti nell’equilibrio psico-fisico: serenità, tranquillità, coscienza del proprio stato individuale e sociale, curiosità e spirito di iniziativa, ne rappresentano gli ingredienti più importanti. Certamente, il benessere mentale non è uno stato, ma un processo dinamico che non si raggiunge una volta per tutte, né è per tutti uguale; esso è l’obiettivo verso cui si deve tendere costantemente. Il mondo del lavoro mostra una sempre maggiore vivacità ed una necessità quasi febbrile di adattarsi ai mutamenti delle logiche politiche e di mercato che si manifestano con frequenza quasi quotidiana: flessibilità 2 , riorganizzazione, prolungamento dell’orario di lavoro reale, sono solo alcuni dei fattori che lo stanno influenzando profondamente. Lo spostamento sempre maggiore della produzione dai beni di consumo a quella dei servizi si riflette in una modifica sostanziale dei rischi aziendali. 1 Cfr. S. Salerno, R. Tartaglia, R. Maremmani, Pesare il carico mentale per prevenire la fatica mentale, Progetto comunitario “Misure per promuovere la cultura e la partecipazione alla sicurezza sui luoghi di lavoro” Edizioni 2000, Milano. 2 A tal riguardo, il Decreto Legislativo n. 276 del 2003 (Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali) descrive la flessibilità come condizione che il lavoratore deve necessariamente possedere al fine di potenziare le possibilità occupazionali nel nostro paese. I

Laurea liv.I

Facoltà: Psicologia

Autore: Francesca Fonzi Contatta »

Composta da 58 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2583 click dal 24/11/2008.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.