Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L’osteria balcanica - Il nazionalismo e la dissoluzione della Jugoslavia

L’osteria balcanica - Il nazionalismo e la dissoluzione della Jugoslavia

Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE «Nel momento in cui si spegne la luce i clienti impugnano il coltello. Lo fanno per autodifesa, ma la mossa non esclude l’attacco preventivo. Sul tavolo, ovviamente stanno bicchieri e bottiglie e prima del coltello si possono usare anche le seggiole. E’ una lotta di tutti contro tutti, come oggi in Bosnia-Erzegovina» 1 Demetrio Volcic, nel suo “Sarajevo-quando la storia uccide” cerca di spiegare a degli occhi occidentali l’allegoria della balkanska krčma, (osteria balcanica). usata dallo scrittore croato e jugoslavo Miroslav Krleža , ricostruendone un’ipotetica atmosfera. La metafora descrive efficacemente lo spirito delle controversie, nate dal peggioramento dei rapporti tra le varie comunità nazionali durante la fase che portò alla disgregazione dell’unità statale jugoslava. Un processo per descrivere il quale, Rade Petrovic, professore di storia dei popoli jugoslavi all’università di Sarajevo, usa il termine balcanizzazione, riconoscendogli però oltre la comune accezione negativa che fa riferimento alla tesa convivenza di diversi gruppi etnici, popoli, nazionalità, culture e tradizioni, causa di violenze e conflitti, anche un valore positivo, evidenziando l’irripetibile incontro della diversità di pensiero, di genti, di geografia e costumi, tipica della regione. 2 Prendendo in esame la storia della Repubblica Socialista Federativa di Jugoslavia e la sua tragica fine, questo lavoro intende analizzare gli effetti disgreganti di ideologie e politiche di stampo nazionalista nel contesto di società a carattere multinazionale. Dalla ricostruzione storica dei dodici anni che vanno dalla scomparsa del Maresciallo Tito alla proclamazione dell’indipendenza della Slovenia e della Croazia, fino a quella della Bosnia-Erzegovina, emerge un quadro in cui il sistema politico federale viene di fatto svuotato di ogni legittimità e reso ostaggio dai contrasti tra ideologie nazionaliste in competizione e dai reciproci irredentismi. Nell’analizzare la crescita vorticosa verso il collasso della Federazione jugoslava, ci siamo soffermati su tre casi che mostrano da angolazioni diverse una rottura indotta dalle tensioni nazionali. 1 Rade Petrovic, “Il fallito modello federale della Ex Jugoslavia” Rubbettino editore Catanzaro 2005, p.85 3 2 Ibidem

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Enrico Milli Contatta »

Composta da 48 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1960 click dal 24/11/2008.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.