Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Astrazione trascendentale

storia dell'astrazione e dei suoi caratteri fenomenologici.
vengono approfonditi i caratteri mistici e trascendentali dell'astrazione presenti nell'opera di alcuni artisti quali Mondrian, Malevic e Kandinsky

Mostra/Nascondi contenuto.
3 Introduzione Le prime formulazioni teoriche e pittoriche dell’arte astratta, un’arte che esula dalla rappresentazione oggettiva della realtà, nascono intorno il 1910. In quegli anni nasce l’astrattismo, non come movimento collettivo programmatico, ma si sviluppa come un insieme di ricerche individuali, come se fosse la conseguenza inevitabile d’una serie di premesse storiche ed estetiche determinatesi all’inizio del secolo. L’inizio dell’arte astratta non è causato da una scoperta accidentale, ma trova delle radici fin nell’arte d’alcuni artisti romantici dell’‘800. Nelle opere dell’inglese William Turner e del tedesco Caspar David Friedrich 1 possiamo trovare dei precedenti: soffermandosi sui temi spettacolari della natura, dalle aurore e tramonti velati alle furiose bufere di neve e ai mari in tempesta, creavano un atmosfera di mistero che si avvicina a una dimensione ultraterrena. L’ esigenza di dare nuova vita all’esperienza del divino in un mondo temporale al di fuori dei confini inviolabili dell’iconografia cristiana tradizionale, è un esigenza intensamente personale per Friedrich, un esigenza condivisa da molti suoi contemporanei. Queste intenzioni sono simili a quelle espresse in termini teologici negli scritti del protestante tedesco Daniel Schleiermacher, e sono sicuramente influenzate dal filosofo irlandese Edmund Burke, il cui saggio del 1756, inchiesta sul bello e il sublime, fu un importante riferimento estetico per la prima generazione di artisti romantici. Dunque in questi dipinti, come in questi scritti, l’ esperienza del soprannaturale viene trasferita dalle tradizionali immagini religiose alla natura. 2 1 Per quanto riguarda i rapporti tra pittori romantici e arte astratta si veda, R. Rosenblum, La pittura moderna e la tradizione romantica del nord, da Friedrich a Rothko, 5 Continents Editions, Milano 2006. 2 J.M. William Turner, Sidmouth, 1825-27, acquarello su carta, the Whitworth Art Gallery, Manchester.

Laurea liv.I

Facoltà: accademia delle belle arti

Autore: Paola Bommarito Contatta »

Composta da 75 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 778 click dal 26/11/2008.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.